giovedì, Settembre 16

Imballaggi del futuro: innovativi, intelligenti e biodegradabili field_506ffbaa4a8d4

0

Alcune tecnologie innovative consentono di usare delle componenti vegetali per produrre materie plastiche. In Spagna scienziati ed ingegneri stanno sviluppando degli imballaggi plastici, ecologici ed intelligenti che contribuiranno alla crescita di un’economia circolare. I ricercatori hanno elaborato un composto che può essere processato industrialmente in un modo molto simile alle plastiche tradizionali, non biodegradabili.

Il progetto è stato creato avendo in mente tre settori: farmaceutico, cosmetico e alimentare. Dei bio-polimeri ricavati dagli scarti agricoli vengono mescolati con dei nano-additivi e fusi a 200 gradi.

La combinazione dei componenti determina la robustezza di questo nuovo materiale e anche le sue caratteristiche particolari (ad esempio, le nano-argille creano una pellicola protettiva dalla superficie ampia e dallo spessore di appena un nanometro). La principale innovazione sta nell’uso di polimeri a base vegetale, derivati dalle biomasse e dagli zuccheri, che li rende quindi biodegradabili. Con questo procedimento possiamo conferire al materiale nuove proprietà.

Questi polimeri sono anche considerati ‘intelligenti‘ perché i materiali bioplastici presentano nuove caratteristiche che li rendono molto interessanti per la conservazione dei prodotti grazie alle nanotecnologie: essi aumentano la durata dei prodotti, ne conservano la qualità e segnalano ai consumatori le condizioni di conservazione del contenuto.

 

(video tratto dal canale YouTube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->