venerdì, Settembre 17

Ilva occupata field_506ffbaa4a8d4

0

Al bar di Mario il geometra Zenone sfoglia il quotidiano davanti a un bel caffè brunito.

Gli operai dell’Ilva di Genova”, dice “hanno occupato lo stabilimento e pare che ci vogliano stare un bel po’…”.
Rivendicano ciò che è giusto”, abbozza l’Assessore alle Politiche Giovanili Abbozzo “Il Governo non può essere così vago. La Boschi e le banche. Renzi e l’inglese”.
Pasquinate!” replica Pistozzi, squadrista della Lega Nord che in gioventù faceva picchetto alle acque dell’Olona con pettorina e manganello. Chiunque aveva baffi o vago accento campano veniva preso a randellate senza troppe spiegazioni. “Mio cugino Albino è della FASCALSTROPPS  e il loro sindacato dice che gli occupanti sono solo beceri comunisti!”.
A parte che quel sindacato lì ha un nome che non convince e poi la Fiomm ha tutto il diritto di dire la sua…”, obietta il giovane Acido, rapper corrosivo di periferia.
Ma sì, giustifichiamoli pure”, fa Pistozzi “Dan fuoco a cassonetti, bloccano strade e ponti, guidano Audi gialle, fan segnare Lasagna del Carpi e noi ancora qui, tonti, a giustificarli! Ricordatevi che il lavoro rende liberi, santo cielo!”.

Richtig, schwanz!”, conferma il fantasma di Otto Von Bismarck che aleggia sopra i loro capi “Manifestanti conoscere solo legge dell’idrante! Ai miei tempi si prendeva barili di pece e si spruzzava sopra con esplosivo. Effetto napalm che neanche generale Kurtz sognava, kamm schlampe!”.

Plaude ironicamente l’ateo apolitico atarassico Arturo, agitando ostentatamente la sua copia de ‘Il Fatto Quotidiano’. Non lo legge mai ma si dice che una volta fosse andato a trovare sua cugina a Taranto con quello sottobraccio e i bambini lo avevano accolto come il Messia. Subito un signore in giacca e cravatta lo aveva circuito: il Vanadio, a suo dire, era anche un ottimo afrodisiaco.

Ancora una volta mi stupisco dell’idiozia umana. Ma lo sapete intanto che a suo tempo Riva investì 400 milioni solo nella zincatura dello stabilimento?”.
No!”, ruggisce Tano il meccanico “Ho dimenticato di comprare il magnesio per mia madre!”, e scappa via, maledicendo la sua mancanza di fosforo e betacarotene.

E intanto lo sapete, però, perché il Governo non ha ancora fissato una data per incontrare i lavoratori? ”.
Perché temono ci sia del protossido?”, prova l’ambientalista Pozzi.
La data c’è, è il 30 febbraio”, ride, e lo fa solo lui, il provetto comico Sciagura.

Ma possiamo occupare anche noi il bar?”, chiede il vecchietto col bianchino a Mario il barista.

Negher!”, sbotta Pistozzi, pigiando sul bancone e facendo schizzare per aria una cisterna di nichel, del bromuro e il bianchino del vecchietto da bar che, per il dolore, schiatta sul colpo “La colpa è sempre e solo dei negher!”.

Quel che accade dopo è logico e prevedibile: dalla porta prorompono i delegati della Cisl che timidamente chiedono se possono utilizzare il locale per un’assemblea straordinaria. Mario chiede loro se hanno intenzione di consumare, ma loro rispondono di no perché hanno già speso i soldi della paghetta in lupini. Il barista si rifiuta e loro scoppiano a piangere. Disgustato dalla mollezza sindacale Tarocco il cartomante si avvicina e con un lanciafiamme dà fuoco ad ogni cosa e, in più, si accende una sigaretta.

E che si fotta Sirchia”, mugugna suggendo come se non vi fosse domani.
Tutt’attorno solo caos e distruzione.

Il geometra Zenone nel frattempo è arrivato tranquillo in fondo al quotidiano, nella sezione dei programmi televisivi.
Per fortuna stasera c’è ‘Boss in incognito in Nicaragua’ ’”, dice finendo di sorseggiare il suo caffè.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->