mercoledì, Giugno 23

ILBDA: oltre 100 istituzioni per il 1° Forum Economico per la Libia L'evento del 7 e 8 giugno riunirà istituzioni, municipalità, enti, aziende ed imprenditori provenienti da Italia, Libia e Tunisia alla ricerca di alleanze strategiche commerciali, finanziarie e tecnologiche

0

L‘Associazione Italo Libica di Sviluppo Commerciale, Italian Libyan Business Development Association (Ilbda), organizza al Laico Spa e Conference Center Hotel di Tunisi, il primo ‘Forum Economico per la Libia‘. L’evento riunirà istituzioni, municipalità, enti, aziende ed imprenditori provenienti da Italia, Libia e Tunisia alla ricerca di alleanze strategiche commerciali, finanziarie e tecnologiche.

Oltre al Ministro dell’Economia nel Governo libico di Unità Nazionale, Mohamed al-Hawej, prenderanno parte ai lavori più di 100 istituzioni tra aziende, municipalità ed enti. Il Forum inizierà con una sessione plenaria di dialogo, in tre panel:

Shared Prosperity and Common Strategies;

Into Opportunity;

Economic Partnerships and Foreign Investments.

Interverranno i sindaci di Ghadames, Ghat, Misurata, TawerghaSouq al Jumah e Central Tripoli. Ogni panel sarà moderato da un giornalista di ciascun Paese, specializzato in ambito economico.

La Banque Tuniso-Libyenne (BTL), la General Electric Company of Libya (GECOL), Misurata Free Market, Ariston Thermo Group, Colacem, El. Com, Biome Solar Industry, Massucco T, Pemabat, T &T, Les Ciments Artificiel Tunisienne, Convivia, Delta Center, Fiore, Sideralba, Artec, Stivel e La Romana Farine sono tra gli sponsors dell’evento.

Durante il Forum è previsto uno spazio espositivo che ospiterà le produzioni artigianali tipiche della Libia meridionale, in collaborazione con la Tuareg Libyan Woman Organization, organizzazione senza scopo di lucro attiva in Libia nella promozione della cultura Tuareg ed in difesa dell’emancipazione femminile.

Anche Confimprese Tunisia ha annunciato il suo impegno nella realizzazione del Forum.
Confimprese è la Confederazione Italiana della Micro, Piccola e Media Impresa, nata nel 1996 su iniziativa di Imprenditalia, si legge sul sito dell’istituzione. La Confederazione associa, riunisce e coordina le 78 Organizzazioni territoriali, le 20 Federazioni di Categoria e le 14 Organizzazioni Federate delle Micro, Piccole e Medie Imprese dotate di autonomia organizzativa, finanziaria e amministrativa.

Confimprese Italia è un ‘sistema plurale’ a cui appartengono a vario titolo oltre 80.000 imprese e professionisti con una nutrita rappresentanza di pensionati. Confimprese Italia è presente in 20 Camere di Commercio (16 Consigli e 4 Giunte), ed è rappresentativa secondo quanto previsto dallo ‘Statuto delle Imprese’, Legge 11/11/2011 n. 180. La confederazione, oltre che in Italia, è presente in Cina, Spagna, Tunisia e Ungheria.

Attraverso incontri e presentazioni, il Forum si propone come un momento di scambio di idee, opportunità ed esperienze, rafforzando le relazioni tra i partecipanti e creando nuove joint ventures nel processo di ricostruzione intrapreso dal Paese. ‘Together We Go Further’ è infatti lo slogan di questa iniziativa promossa da Ilbda, “un’associazione senza scopo di lucro, nata a Tripoli nel 2018 sotto la lungimirante direzione del presidente Sandro Fratini, che ha maturato una esperienza decennale in nord-africa, costruendosi una solida rete di contatti”.

Ogni azienda avrà l’opportunità di confrontarsi con decision maker e istituzioni, aziende e possibili partners, partecipando a meeting nel proprio settore di appartenenza. E’ prevista la partecipazione di imprese leader nei settori dell’ energia, energia rinnovabile, aeronautica, nautica, settore sanitario, formazione, design e progettazione, elettronica, meccatronica, componenti elettrici, biotecnologie, chimica, plasturgia, ambiente, costruzioni e materiali da costruzione, legno, grande distribuzione, tipografie, editori, comunicazione, pubblicità, industria agroalimentare, agricoltura, settore automobilistico, meccanica, metallurgia, prodotti manifatturieri, sport, divertimento, cultura, turismo, tessile e abbigliamento, trasporti e logistica.

Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito dell’associazione www.ilbda.it e per chi fosse interessato a partecipare può scrivere una mail a info@ilbda.it.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->