martedì, Ottobre 26

Il tunnel segreto di Churchill Riemerso nel 2013 ora è visitabile e inserito nel National Trust inglese

0

Un labirinto di cunicoli dimenticati della Seconda Guerra Mondiale all’interno delle bianche scogliere di Dover stanno aprendo al pubblico per la prima volta. Riscoperto nel 2013, il sistema sotterraneo è stato costruito in soli 100 giorni per ordine di Winston Churchill. Il loro scopo era quello di sventare i movimenti di spedizione tedeschi nel Canale e di collegarle a Dover.

Manufatti incredibili sono stati scoperti nella dormiente “capsula del tempo”, tra cui un ago e filo, un calco di una piscina ancora buono e abbondanti e maleducati graffiti sui muri.

I rifugi di guerra sono stati chiusi nel 1950 e poi riempiti con detriti e terreno nel corso del 1970. Essi sono un 75ft stimato (23m) in profondità e si estendono su una superficie di 3.500 piedi quadrati (325 mq). La costruzione iniziò nel 1940 dopo Churchill ebbe visitato la zona ed era furioso nel vedere il trasporto nemico muoversi liberamente nel Canale.

In una nota al Capo di Stato Maggiore Churchill ha detto: “Dobbiamo insistere sulla mantenere posizioni di artiglieria superiori sul promontorio di Dover, non importa quale sia la forma di attacco a cui sono esposti. Dobbiamo lottare per il comando dello stretto da artiglieria, per distruggere le batterie nemiche e fortificare la nostra“.

Il riparo ancora incompleto è stato occupato da quattro ufficiali e 118 uomini della 203esima batteria dell’Artiglieria Reale Costiera trasferitasi da Falmouth.

Ora, più di 40 anni dopo è stato sigillato  e i tunnel hanno riaperto al pubblico, il Lunedi 20 luglio. Jon Barker, direttore capo con molta esperienza sulle bianche scogliere, ha dichiarato: Questo pezzo riscoperto del patrimonio Seconda Guerra Mondiale del paese è davvero notevole. Non c’è stato alcun accesso pubblico alle gallerie per oltre 40 anni e così rimangono tanto quanto lo erano quando sono stati abbandonati. Abbiamo svolto un ampio lavoro di conservazione per preservare l’ambiente sia il decadimento naturale e mantenere l’autentica atmosfera storica dello spazio.”

I ricercatori del National Trust, che stanno supervisionando il progetto, hanno avvertito che i visitatori devono essere di età superiore ai 12 e si prevede di camminare 1,5 miglia dal Centro Visitatori e poi 125 passi verso il basso all’interno della scogliera.

(tratto da ‘Youtube‘, con video del ‘National Trust’ della Gran Bretagna)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->