giovedì, Giugno 24

Il tedesco giuridico: un lessico specifico indispensabile per gli addetti ai lavori Per chi ha relazioni commerciali con partner tedeschi, per chi si occupa di contrattualistica o ha un ruolo direttivo a livello di amministrazione e finanza, è imprescindibile migliorare le abilità linguistiche in tedesco

0

Comprendere e parlare il tedesco giuridico e finanziario non è semplice, soprattutto se consideri il fatto che non è così immediato trovare formule giuridiche esattamente corrispondenti in tedesco e in italiano.

I testi normativi, i contratti, gli atti aventi forza legale e la prassi commerciali si connotano per la presenza di tecnicismi e di terminologie che presuppongono la padronanza della lingua tedesca e la conoscenza degli istituti giuridici, a partire dal linguaggio dei contratti. Se lavori in ambito legale, societario, commerciale e finanziario, apprendere il lessico giuridico-economico significa acquisire dimestichezza con i principali termini legali e commerciali in tedesco, comprendere i testi giuridici e conoscere il contenuto tipico dei contratti. Una volta in possesso di questi strumenti lessicali, riuscirai a gestire al meglio le pratiche negoziali. Senza pretesa di completezza, ecco una breve guida con cinque termini di carattere giuridico-economico fondamentali in tedesco.

Alla scoperta dell’abc del tedesco giuridico-economico

Tra i termini da sapere assolutamente in tedesco, ‘der Vertrag’ è il contratto. Per quanto riguarda le fasi del rapporto contrattuale (‘Vertragsverhältnis’), la trattativa prende il nome di ‘Verhandlung’, mentre si parla di ‘Vertragsschluss’ a proposito della stipula del contratto. Per quanto riguarda i tipi di contratto, ‘Kaufvertrag’ è il contratto di compravendita e ‘Unternehmerwerkvertrag’ è il contratto di appalto.

Passando al diritto commerciale, ‘die Gesellschaft’ è la società e il socio prende il nome di ‘Gesellschafter’: ‘der Gesellschaftsvertrag’ è l’atto costitutivo. Nel diritto civile italiano, il principio di buona fede in senso oggettivo si sostanzia in un dovere generale di correttezza e di lealtà a cui le parti devono conformarsi nelle trattative e nei rapporti giuridici. Principio cardine del sistema giuridico tedesco, ‘Treu und Glauben’ è la clausola generale con cui si indica proprio la buona fede oggettiva. Tra gli elementi accessori del contratto, la condizione subordina l’efficacia o la risoluzione del negozio: nell’ordinamento tedesco la condizione (‘die Bedingung’) può essere sospensiva (‘die aufschiebende Bedingung’) oppure risolutiva (‘die auflösende Bedingung’). In ambito finanziario, ‘die Zinsen’ sono gli interessi: ‘das Zinssatz’ è il tasso d’interesse, mentre il divieto di anatocismo si riassume nel termine ‘das Zinseszinsverbot’.

Lezioni di tedesco online: il tedesco giuridico-economico è a portata di click

Le lezioni di tedesco commerciale online su piattaforme come Preply concretizzano lo strumento più pratico e performante per apprendere il tedesco legale e commerciale. Se il tuo obiettivo è condurre con maestria trattative commerciali in lingua tedesca, confrontarti con la corrispondenza a contenuto legale e redigere contratti o atti societari, diventa imprescindibile apprendere i fondamenti del diritto tedesco ed usare la corretta terminologia.

I negozi giuridici e gli atti societari fanno proprio un linguaggio complesso e settoriale: non si tratta semplicemente di memorizzare i vocaboli di carattere legale che contraddistinguono il diritto privato. Occorre, soprattutto, avvicinarsi al linguaggio dei contratti e del diritto societario nell’applicazione sostanziale e processuale e nella soluzione di casi pratici. Se hai relazioni commerciali con partner tedeschi, se ti occupi di contrattualistica o se hai un ruolo direttivo a livello di amministrazione e finanza, è imprescindibile migliorare le abilità linguistiche in tedesco. Ciò in considerazione della crescente rilevanza del tedesco negli scambi commerciali e della complessità nell’ordinamento tedesco dei principali istituti del diritto civile, commerciale e societario.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->