domenica, Ottobre 24

Il Sudafrica dei ladri di rame field_506ffb1d3dbe2

0

rame

Johannesburg – Gli incontri notturni clandestini tra ladri di cavi di rame hanno uno spazio regolare nelle cronache, ogni paio di giorni, e costano al Sudafrica miliardi di Rand ogni anno. Le prospettive dei furti di rame nel 2014 sono preoccupanti, soprattutto alla luce dei recenti furti che hanno provocato interruzioni di corrente su larga scala e gravi lesioni, come ha riferito la Camera di Commercio del Sudafrica (SACCI).

Due settimane fa, una parte di Lenasia, un grande sobborgo a sud di Johannesburg, è rimasta senza corrente per giorni, dopo che i ladri hanno rubato cavi incrociati sui piloni, allentando i bulloni alla sua base e facendo cadere i piloni stessi. «Anche i piloni successivi del circuito sono caduti, per via della tensione», ha detto Louis Pieterse, di City Powers.

I sudafricani hanno recentemente sentito la terribile storia di un uomo sospettato di aver rubato cavi sospesi a Robertsham, sempre a sud di Joburg, folgorato durante il tentativo di furto. «L’uomo è stato trovato morto in cima a un palo di 9 metri con una tronchese in mano», ha detto il portavoce di City Power, Sol Masolo.
E ci sono molte altre storie come questa. Il Sudafrica vede verificarsi circa 3.000 incidenti durante il furto di cavi ogni anno.

Il valore del rame rubato è salito a 15.4milioni di Rand (223,30 milioni di euro) in maggio. Secondo l’osservatorio sul furto di rame di SACCI, era 12.5milioni di Rand (81,25 milioni di euro) nel mese di aprile e 11 milioni di Rand (159,50 milioni di euro) in marzo. «Il dato di maggio è più alto del 71,1% in  rispetto a un anno fa, e rappresenta il terzo aumento mensile consecutivo». Il volume di rame rubato è aumentato a 214 tonnellate in maggio, rispetto alle 176 tonnellate del mese di aprile, e alle 153 tonnellate di marzo

Recenti incidenti durante il furto di rame hanno provocato danni su larga scala e significativi costi economici, unitamente al fatto che il furto di cavi sembra essere in aumento, e questo indica la necessità di un’azione urgente.

Il costo di un furto di cavo di solito si misura solo in termini di sostituzione dei cavi, ma non tiene conto della sicurezza e del costo del lavoro, dice Peggy Drodskie, Consigliere esecutivo del CEO di SACCI.  Esercita anche un impatto negativo sull’economia, attraverso la perdita di produttività, percezioni negative degli investitori, e l’erogazione di un servizio scadente, tra le altre cose. «Se non si dispone di computer o di un telefono, il personale non può lavorare in modo ottimale», ha detto Drodskie, spiegando i danni derivati dai furti. Questo alla lunga potrebbe anche portare alla chiusura di piccole imprese.

Durante la prima settimana del mese di dicembre 2013, i ladri hanno scavato un tunnel e sono entrati in un deposito di Brackenfell, a Città del Capo. Hanno scavato sotto la recinzione ad alta sicurezza e sollevato la pavimentazione per ottenere l’accesso, poi hanno rubato 60 metri di cavi in ​​rame del valore di circa 240.000 Rand (circa € 240 000).

Tra il 16 e il 29 dicembre del 2013, vari episodi di furti e atti vandalici sono avvenuti a Mfuleni, Città del Capo. 230kg circa di rame sono stati rubati. Si pensa alla responsabilità di un sindacato che opera in questo settore. In due di questi incidenti, guardie di sicurezza assunte per sorvegliare i siti sono state derubate dei loro effetti personali dai ladri di cavi di rame, mentre in un altro incidente si è verificata una rapina a mano armata in cui i sorveglianti sono stati costretti a tirar fuori i cavi scavando sotto minaccia armata.

Nella città di Cape Town si inizierà la sostituzione dei cavi in ​​rame con cavi di alluminio, nel tentativo di combattere il vandalismo e i furti. I cavi sono stati posati a profondità maggiori del normale, racchiusi nel calcestruzzo. Le coperture dei pali sono state saldate e le caselle di controllo sono state montate su pali montato al contrario, per rendere l’accesso più difficile.

Nelle zone in cui atti di vandalismo e furti sono particolarmente diffusi, la città ha iniziato a tenere le luci accese giorno e notte come deterrente per i criminali.

Secondo il Consigliere Ernest Sonnenberg, un membro della commissione comunale di Città del Capo per i servizi di pubblica utilità, un prototipo di sistema di allarme sottostazione, che comprende telecamere a circuito chiuso, controllo degli accessi e monitoraggio remoto, è in fase di test. Se avrà successo, sarà esteso a tutti gli edifici sottostazione di medie dimensioni. Il Consigliere ha detto che, in alcune aree, le connessioni elettriche illegali sovraccaricano il sistema di fornitura di energia elettrica, e i molti atti di vandalismo rendono molte di queste luci inutilizzabili. In un caso solo, i cavi sono stati rubati due volte dai vandali che hanno scavato il catrame.

Mentre gli acquirenti di cavi in ​​rame possono essere trovati in abbondanza in Sudafrica, il furto di rame sembra essere gestito dai sindacati, e sembra essere legato al prezzo del rame internazionale. SACCI sta indagando sulla questione.

City Power sta prendendo provvedimenti per porre fine ai furti. «Attualmente, stiamo srotolando cavi ABC (conduttori aerei bundle) in tutta Johannesburg, che contengono alluminio e non hanno valore per i ladri di cavi», ha detto Masolo. City Power prevede inoltre di gettare cemento sulle superfici attraversate da cavi.

SACCI ha detto: «Anche se finora il South African Police Service ha svolto un ottimo lavoro con iniziative legislative concrete per arginare i furti di rame, il progetto ha bisogno di andare avanti attraverso l’introduzione di un’unità di Polizia specializzata in furti di rame».

Il Governo sudafricano ha promesso di esibire al pubblico i ladri di rame che rubano i cavi dalla ferrovia e dalle infrastrutture pubbliche elettriche, perché creano danni all’economia, per loro non ci sarà pietà. «Le forze dell’ordine assicureranno che le persone arrestate saranno duramente punite», ha detto il Ministro delle Comunicazioni, Faith Muthambi. Il Gabinetto ribadisce, inoltre, «il suo impegno a reprimere le aziende che intercettano i rottami metallici, e che nutrono e alimentano questo crimine. Le comunità sono invitate a collaborare con il Governo tramite segnalazioni alla Polizia».

Le organizzazioni criminali internazionali sembrano ‘amare’ il Sudafrica. Si possono fare milioni con i cavi in rame sudafricani

 

Traduzione di Valeria Noli @valeria_noli

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->