domenica, Giugno 20

Il sovrappopolamento è tematica attuale?

0

La seconda metà del 1960 è stato un momento di boom di nascite (sovrappopolamento) che ha creato visioni da incubo di ciò che l’attendeva per l’umanità. Nel 1966, per esempio, uno scrittore di nome Harry Harrison è uscito con un romanzo di fantascienza dal titolo ‘Make Room! Make Room!. Descriveva un mondo distopico in cui troppa gente era strapazzata per troppo poche risorse a disposizione. Il libro è diventato la base per un film del 1973 su un futuro infernale, ‘Green Soylent. Nel 1969, il duo pop star Zager e Evans hanno raggiunto la cima delle classifiche con un numero intitolato ‘In the Year 2525 ‘, che ha postulato che gli esseri umani si erano spinti su un percorso chiaro da condannare.

Come avrete notato, l’Inghilterra è ancora con noi. Così è l’India. Centinaia di milioni non sono morte di fame negli  anni Settanta del Novecento. L’umanità è riuscita a rimanere in piedi, anche se la popolazione del pianeta ora supera i sette miliardi , il doppio di quello che era quando  il libro ‘The Population Bomb‘ è diventato un best-seller e il suo autore, ospite spesso di Johnny Carson in ‘The Tonight Show‘. Le previsioni apocalittiche sono cadute, come in passato anche le antiche teorie circa la forma della Terra.

(tratto dalla sezione video di ‘The New York Times‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->