mercoledì, Dicembre 1

Il sistema bancario europeo nel mirino di Goldman Sachs e Jp Morgan Chase Le manovre di Wall Street lasciano presagire tempi duri per l'Europa

0
1 2


A quasi dieci anni di distanza, Goldman Sachs si ritrova in prima fila a scommettere sulla caduta dei listini e del sistema finanziario nel suo complesso, ma la sua strategia operativa si declina questa volta nell’emissione di Total Return Swap relativi soprattutto ai titoli At-1, «obbligazioni che hanno la caratteristica di partecipare all’assorbimento delle perdite della banca nel caso in cui gli indici patrimoniali delll’istituto scendessero sotto un certo livello (da qui il riferimento al Tier-1, uno degli indici di patrimonializzazione più importanti per gli istituti bancari). I bond in questione sono di tipo ‘perpetuo’ perché non vengono mai rimborsati se non – eventualmente – dopo un tot di anni prestabili a discrezione dell’emittente e non pagano alcuna cedola in caso di perdita. Si tratta in altre parole di uno strumento a difesa del patrimonio della banca […] ma a differenza di altri strumenti ‘ibridi’ l’obbligazione non viene mai convertita in capitale».

Nello specifico, Goldman Sachs e Jp Morgan Chase si concentrano su queste obbligazioni bancarie ad alto rischio emesse da istituti di credito europei. La ragione è molto semplice; gli At-1 delle banche europee garantiscono un rendimento medio pari al 4,8%, molto più elevato rispetto a quello assicurato dai titoli bancari senior. Come nota il sito di analisi finanziaria ‘Zero Hedge’, «essendo stati creati per impedire che i contribuenti pagassero i bailout ai governi – ed essendo perciò il primo strumento ad essere salvato internamente alla banca (di solito assieme al patrimonio netto) – gli At-1 offrono alti rendimenti. E proprio come i Cdo dieci anni fa, nell’epoca attuale di tassi di interesse quasi nulli, sono diventati ricercati dagli investitori di debito di tutto il mondo, alimentando un mercato da oltre 150 miliardi di dollari». Il motivo per cui I Total Return Swap stanno gradualmente soppiantando i Credit Default Swap in questo particolare segmento del mercato risiede nel fatto che «le banche possono saltare i pagamenti delle cedole sulle obbligazioni senza attivare un default di Cds», cosa che con i Trs non può avvenire in nessun caso.

Risulta quindi chiaro che due dei più influenti istituti di Wall Street stanno pesantemente puntando sul crollo del sistema bancario europeo. Rimane soltanto da chiedersi se queste operazioni dirette contro il ‘vecchio continente’ beneficino del supporto politico di Washington, come alcuni avevano affermato in relazione allo scoppio della crisi dei debiti sovrani che ha inchiodato la Grecia a un quinquennio ininterrotto di depressione economica.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->