lunedì, Giugno 21

Il segreto della longevità

0

Bangkok – Molte società che operano nel territorio thailandese hanno conseguito una longevità davvero ragguardevole, spesso superando i cento anni di vita. Ci si interroga oggi su quali siano le caratteristiche base che conducono ad una tale longevità, un fattore raramente riscontrato nel resto della scena asiatica e continentale.

Wikipedia si riferisce ad uno studio del 2008 condotto dalla Banca di Corea, che ha analizzato 41 Nazioni ed ha trovato che 5.586 società sono più vecchie di 200 anni. Tra queste, più di 3.000 sono collocate in Giappone, 837 in Germania, 222 in Olanda e 196 in Francia. Allo stesso tempo, tra le società con più di 100 anni di storia, l’89.4 per cento impiega meno di 300 persone. Una ricerca condotta in sede nazionale in Giappone ha conteggiato più di 21.000 società con più di 100 anni di vita a far data fino al mese di Settembre 2009. Si tratta di fattori che davvero incuriosiscono. Ci si è chiesti anche in Thailandia quante siano le società che abbiano compiuto o superato i 100 anni di vita.

Pare che la risposta di Wikipedia abbia lasciato parecchi con la bocca aperta: sei. Sono la Siam Commercial Bank, la Government Savings Bank, Berli Jucker, la Siam Cement Group Siam Cement Group (SCG), Mandarin Oriental Bangkok e la Osotspa. Sebbene però va precisato che la Mandarin Oriental ha oggi 135 anni di vita e la Berli Jucker ne ha 132 e quindi sono più longeve. A voler essere pignoli e volendo considerare thailandesi anche società che operano da un tempo centenario o ultra-centenario in territorio thailandese sebbene si tratti di investimenti stranieri, bisognerebbe citare anche B Grimm, Diethelm e la Singer.

Come mai solo sei società hanno compiuto 100 anni di vita in una Nazione che vanta una Storia che va all’indietro di 700 anni? Sompop Manarungsan, Presidente del Panyapiwat Institute of Management, ha fatto luce su alcuni aspetti correlate alla questione. La chiave di un successo che porta alla longevità aziendale, egli afferma, sono una espansione orizzontale così come la capitalizzazione delle proprie esperienze e specializzazioni, oltre all’abilità nell’adattarsi ai cambiamenti nel contesto generale del business. Un altro fattore di grande rilevanza è quello dei leader professionali, come accade nelle società Siam Commercial Bank SCB e Siam Cement Group SCG.

Le prove fattuali sembrano dargli ragione. Ora gli studi dimostrano che la gran parte delle società thailandesi all’avvio hanno la struttura di una società a conduzione familiare ed il più delle volte falliscono intorno alla terza generazione aziendale. La gran parte dei fallimenti sono attribuibili alla diversificazione verticale nelle aree dove non vi è alcuna esperienza professionale specifica. Alcune altre chiusure sono attribuibili al desiderio della prima generazione di mantenere il business all’interno del gruppo familiare.

Una popolare soap opera thailandese riflette tutto questo in una storia di base relative ad un padre il quale desidera che i suoi tre figli lavorino nella società che lui ha fondato. Infatti, il tema dei nonni che falliscono nel trovare nei propri nipoti il proseguimento dei loro desideri, nonostante sia di vasta portata in termini di notorietà, è un fattore comune un po’ in tutto il Mondo.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->