mercoledì, Ottobre 20

Il ruolo strategico degli jihadisti uiguri in Siria

0
1 2


Migliaia di cinesi combattono in Siria col fronte al-Nusra (Jabhat al-Nusra), con Ahrar al-sham e con l’ISIS, molti di loro appartengono alla minoranza musulmana uiguri della provincia dello Xinjiang, nell’ovest della Cina. La loro base è nella provincia di Idlib, nel nord della Siria, ma si trovano anche nella campagna di Latakia, nella città di Manbaj e nella provincia di Riqqa. Numerosi uiguri sono stati segnalati in diverse zone intorno a Idlib, comprese la città strategica di Jisr al-Shoghur, Ariha, e l’altopiano di Jabal al-Zawiya. Secondo le nostre fonti sul campo in Siria ci sono poche migliaia di combattenti uiguri e molti di loro sono arrivati con le famiglie al seguito dalla CinaLa maggior parte di loro sono affiliati al Partito Islamico del Turkestan (TIP), alleato del Fronte al-Nusra, ramo siriano di al-Qaeda.

Gli uiguri si sono stabiliti con le famiglie nei quartieri alawiti deserti di Jisr-al-Shoghur. Alcuni video, diffusi a partire dallo scorso ottobre, mostrano i combattenti impegnati nella pianura di al-Ghab, la rurale zona ovest di Hama, e a Jib al-Ahmar nella provincia di Latakia. In uno di questi video si vedono usare un carro armato e missili Tow anti-carro di fabbricazione americana. Stando a quanto si dice, i militanti uiguri si sono spostati in Siria a seguito della campagna pakistana sostenuta dai cinesi contro le loro basi al confine con l’Afghanistan dopo l’uccisione del leader del gruppo, Abdul Haq nel 2010.

Una fonte all’interno dell’opposizione armata siriana, in stretto contatto con i combattenti uiguri, crede che questa popolazione sia arrivata in Siria per restare, almeno per un bel po’ di anni, perché hanno intrapreso un viaggio lungo e dispendioso dallo Xinjiang e dai confini del Pakistan e dell’Afghanistan fino alla Turchia e poi alla Siria. Alcuni di loro hanno venduto le proprie case per permettersi di viaggiare con la famiglia. Quindi, come pensano di tornare indietro?

Molti di loro, rispetto a tanti altri gruppi e foreign fighters, non si coprono il volto, sebbene questo comporti un enorme rischio nel caso volessero fare ritorno a casa. Quindi non stanno pianificando di tornare indietro. Il Partito Islamico del Turkestan, conosciuto anche come Movimento Islamico del Turkestan Orientale (ETIM), ha stampato una rivista in arabo, chiamata ‘Turkistan al-Islamya’ (Il Turkestan Islamico), per presentarsi alla popolazione locale e ad altri gruppi militanti e per promuovere la sua causa oppressa dalla legge comunista cinese. Alcune fonti sostengono che almeno 2000-2500 militanti uiguri si trovano nel nord della Siria con il TIP mentre dai 500 ai 1000 combattono con l’ISIS, nel ‘Wilayat Khurasan‘, un’ampia regione che include parte dell’Afghanistan e del Pakistan che l’ISIS ha dichiarato come sua provincia.

Ci sono circa 4000-5000 uiguri (uomini e donne) che vivono a Jabal al-Turkman nella provincia di Latakia e nel villaggio del Zunbaki, vicino a Jisr al-Shugur, nella provincia di Idlib. Queste famiglie si sono stabilite lì con l’aiuto dell’intelligence turca nel tentativo di modificare l’assetto demografico dell’area e aumentare l’influenza turca nella regione. Le fonti siriane nella zona del fronte al-Nusra confermano che i militanti uiguri si affidano totalmente ad al-Nusra, nonostante il loro numero sia relativamente ampio. Gli uiguri hanno giocato un ruolo fondamentale nelle vittorie di al-Nusra nella provincia di Idlib durante lo scorso anno (2015) ottenendo fama tra la popolazione dell’opposizione siriana grazie alle loro conquiste militari e alla volontà di non interferire nelle questioni civili.

Si ritiene che la loro alleanza con al-Nusra sia la conseguenza della precedente relazione con al-Qaeda, vicina al movimento dei Talebani e al suo fondatore e leader, Mullah Omar. Così, ci sono centinaia di combattenti uiguri arruolati nell’ISIS in Siria (la provincia di Riqqa e Manbaj) e in Iraq, ma alcune fonti sostengono che il TIP abbia rotto le relazioni con l’ISIS a causa dello scontro tra quest’ultimo e al-Nusra (al-Qaeda) in Siria e delle tensioni tra l’ISIS e i Talebani in Afghanistan mossi dalla fedeltà (Bay’aa) al leader talebano considerato il vero Califfo.

I video rilasciati dal TIP mostrano alcuni leader uiguri che insieme ai militanti combattono al fianco del fronte al-Nusra e delle brigate uzbeche. In questi video gli uiguri lodano gli attacchi in Cina e le autorità cinesi credono che questi jihadisti cerchino di conquistare l’indipendenza dello Xinjiang e di creare un loro Stato islamico in quella zona, come estensione del Califfato dei Talebani o di quello dell’ISIS.

Alcuni analisti credono che se il TIP continuerà ad avere sempre più potere all’interno del gruppo chiamato ‘Army of Conquest‘ (Esercito della Conquista), che racchiude in sé affiliati di al-Qaeda e jihadisti salafiti, lo Xinjiang potrebbe diventare il prossimo Afghanistan e seguire il copione di Siria e Iraq, con forze militanti locali e rifugi al confine che attraggono foreign fighters, beneficiando di materiale e supporto diplomatico dalla Turchia e dagli altri Paesi stranieri che condividono ideologie e interessi.

I combattenti del TIP hanno avuto un ruolo fondamentale nella battaglia presso l’aeroporto di AbuZuhur nel settembre 2015 quando la ‘Fateh Army‘ (ovvero l’Esercito della Conquista), che è composto dal fronte al-Nusra, Ahrar al-sham e altri gruppi salafiti, ha preso possesso dell’aeroporto della provincia di Idlib.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->