giovedì, Maggio 13

Il ritorno dei Nazionalisti

0
1 2


Quindi il concetto di Nazionalismo influenza il vostro ideale di associazione, ma attualmente in Italia come è cambiato questo sentimento rispetto al valore che gli si attribuiva nel passato?

Io sono un’insegnante e ritengo che da un po’ di anni questo ideale di unità venga messo da parte in virtù di un concetto più grande che è quello di Unione Europea, che noi non disprezziamo, anzi, però riteniamo che alcuni valori come la lingua, la cultura e le tradizioni siano da preservare. L’Europa è un sogno fantastico, ma nel favorire una comunità globalizzata non devono venire meno gli ideali di pace e di socialità tra le Nazioni. La mancanza dei valori risorgimentali può promuovere una disgregazione della Patria, così come è stata intesa fino a pochi anni fa. Noi riteniamo che questa idea di unità nazionale, fatto salvo che per le esperienze calcistiche e sportive, venga sempre più messa da parte. Per questo per noi l’idea di Europa deve nascere dall’unione dei popoli europei e delle loro Nazioni, ma non deve portare alla formazione di una massa indistinta priva d’identità propria.

Quindi voi vede nell’Europa la fine dei Nazionalismi e l’inizio di un globale ideale di ‘Continentalismo’?

Noi non siamo contro l’idea di Europa, noi siamo contro il concetto di un’Europa fatta solo di burocrazia e non di benessere di popoli. Parlando dell’Italia il problema principale è dato dalla mancanza di lavoro, ad esempio io risiedo nella provincia di Caserta e qui la disoccupazione, specialmente quella giovanile, arriva a toccare il 60%. Noi riteniamo che se l’Europa fosse più attenta alle esigenze delle singole Nazioni non sarebbero accaduti casi come quello dell’Inghilterra, che con la Brexit ha voltato le spalle al sistema attuale.

Quindi Brexit sarebbe una sorta di espressione del nazionalismo britannico?

Sicuramente la vittoria di coloro che volevano uscire è una rivendicazione nazionalista degli inglesi, tanto è vero che è stata attribuita alle classi più popolari o agli anziani, dato non accertato, e che noi mettiamo in dubbio perché i nostri contatti con il nazionalismo britannico evidenziano un forte attivismo giovanile in merito. In un modo o nell’altro è comunque una rivendicazione decisa di autonomia ed espressione di una ben radicata identità nazionale.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->