lunedì, Maggio 16

Il riscatto d’amore degli over 50 L'amore non va in vacanza, ma nemmeno in pensione! Sempre più persone, infatti, si affacciano all'amore anche in età avanzata

0

La società in cui viviamo ci porta a circoscrivere determinate situazioni ad un periodo temporale. Non riuscire a rispettare la ‘tabella di marcia’ ci fa sentire come se fossimo studenti fuori corso al nostro esame più importante. Allo stesso modo la nostra vita diventa un eterno correre, affannarsi per non rimanere indietro, per non sentire le solite domande di rito sulla propria situazione sentimentale.

Spesso, però, si rischia di ‘mancare di tatto’ e non ci si sofferma adeguatamente sulle scelte che noi tutti facciamo in ambito sentimentale. La maturità sentimentale è infatti un percorso soggettivo dove ognuno arriva alla meta con il proprio ritmo naturale e con i propri tempi: c’è chi preferisce godersi la vita, chi ad un certo punto vorrebbe avere una relazione stabile e magari mettere su famiglia, chi si vuol riprendere da una separazione o chi, per merito o demerito della pandemia, ha messo in discussione anche la propria situazione sentimentale.

Cosa ci dicono i numeri

Come ci rivela questo interessante articolo di Italia in dati, il calo dei matrimoni e l’aumento dei divorzi si sono susseguiti di anno in anno in stretta relazione con le ideologie e l’andamento economico del Paese. Per esempio, una fetta non indifferente preferisce sposarsi con il rito civile o semplicemente andare a convivere senza mettere un vincolo giuridico o religioso alla propria relazione.

Secondo il nuovo rapporto ISTAT ‘Matrimoni, unioni civili, separazioni e divorzi – anno 2020’nei primi 9 mesi del 2021 si è registrato un aumento del 36,4% per le separazioni e del 32,8% per i divorzi (dati simili, questi, a quelli del 2019). Nel 2020, la pandemia ha indotto molti a posticipare o abbandonare qualsiasi proposito di matrimonio. I lieti eventi in Italia sono stati 96.841, con un calo del 47,4% rispetto al 2019. In particolare, sono diminuiti i matrimoni religiosi (-67,9%) e i primi matrimoni (-52,3%). I dati provvisori dei primi nove mesi del 2021 mostrano un raddoppio dei matrimoni rispetto allo stesso periodo del 2020, ma la ripresa non è sufficiente per recuperare quanto perso l’anno precedente. In calo anche le unioni civili tra coppie dello stesso sesso (-33,0%), le separazioni (-18,0%) e divorzi (-21,9%).

L’amore, però, non ha età!”

Le persone hanno ancora voglia di innamorarsi, soprattutto dopo due estenuanti (ed estranianti) anni di pandemia. L’amore rappresenta da sempre una ‘seconda vita’ per molte persone, specialmente se parliamo di tutta quella popolazione over 50 che ha vissuto con più difficoltà e paura il periodo della pandemia.

Questo parametro lo deduciamo anche dall’aumento dei TV show denominati ‘Dating Show’, ovvero programmi dove persone single vengono fatte incontrare nella speranza di un liaison d’amore. A questo aggiungiamo il sempre crescente uso di app di incontri, che hanno spopolato negli ultimi 2 anni e hanno reso il ‘primo contatto’ molto più facile per le persone di tutte le età. Infatti, portali come singles50, mettono a disposizionel’innovativa tecnologia degli algoritmi social per combinare incontri sulla base dei propri gusti e interessi. Puoi, così, conoscere altre persone della tua stessa città o decidere di ‘incontrare’ gente proveniente da qualsiasi altro angolo del mondo.

In conclusione, anche se i dati parlano di una diminuzione dell’impegno sentimentale nella popolazione, è anche vero che sono nate molte più possibilità di fare incontri e conoscere persone nuove. La pandemia non ha aiutato, ma oggi abbiamo tutti gli strumenti idonei per innamorarci ancora, anche (e soprattutto) sopra i 50 anni.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->