sabato, Ottobre 16

Il regno di Elisabetta II il più longevo? Una sovrana che ha retto e risollevato il Paese dagli scandali mondiali

0

Francesco Perfetti delinea il profilo dell’incoronazione di Elisabetta II, nel 1953, fu un evento mediatico assoluto per l’epoca: oltre 100.000.000 di telespettatori e ha festeggiato, nel 2012, il Giubileo di diamante, i  60 anni sul trono e ora il 6 settembre è stata dichiarata la sovrana più longeva della storia della Gran Bretagna.

Ha 26 anni, ma pochi – e tra loro Churchill – sono favorevoli a far diventare la sua incoronazione un evento mediatico, per i problemi legati a quello precedente di Giorgio VI, il re balbuziente, riscoperto dal recente film ‘Il discorso del re‘. Il successo dell’evento, anche diplomatico, con la presenza del figlio di Hiro Hito, l’imperatore giapponese sconfitto, o l’ambasciatore sovietico, dimostra, che si può ripetere in un discorso ripreso dalla ‘Bbc’  e di dover fare i conti con un impero attraversato dal desiderio indipendentista di Stati come l’India e ridimensionato nel numero di sudditi, con diversi primi ministri, da Churchill (ritenuto il suo mentore), alla Thatcher e Blair; gli scandali del suo regno. La dipartita di Lady Diana e la relazione tra il figlio Carlo e Camilla, pur infliggendo un duro colpo all’immagine della monarchia inglese, sono dalla regina risollevati nei confronti del Paese, memori del suo successo come sovrana e statista.

(tratto dalla sezione video del sito di ‘Rai Storia’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->