martedì, Aprile 20

Il referendum per la Brexit spiegato ai 'non britannici' field_506ffb1d3dbe2

0

Si avvicina il 23 giugno, data del referendum in Gran Bretagna per la permanenza o meno (brexit) nella UE. E ovviamente le due parti continuano a darsi battaglia a colpi di slogan. A sorprendere è stato l’avvicinamento del Premier David Cameron al neo sindaco laburista di Londra Sadiq Khan, segno che la brexit fa davvero paura a gran parte dell’establishment inglese. E aumentano i sondaggi, secondo i quali ora si sta riducendo il margine di vantaggio dei pro Ue nei confronti degli euroscettici. Secondo il ‘Daily Telegraph’ la campagna Remain scende al 51% dei consensi, mentre Vote Leave risale al 46%, con uno scarto di soli cinque punti rispetto ai 13 della precedente rilevazione. Ma a compiere rivelazioni sono anche fondi speculativi e banche d’affari, anche se in maniera non ufficiale, in questo caso con l’obiettivo di cercare di ottenere profitti tramite scommesse finanziarie sugli esiti del voto. A riportare la notizia il ‘Financial Times’, secondo cui la speranza dei fondi committenti è quella di ripetere le speculazioni valutarie operate dal finanziere George Soros nel 1992, quando la sterlina crollò a seguito dell’abbandono dello Sme.

(video tratto dal canale Youtube del The Guardian)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->