lunedì, Maggio 16

Il prezzo della benzina di nuovo alle stelle? I consigli di Matteo Valenza per farsi trovare pronti L’influencer prova a mettere un po’ di ordine con alcuni consigli e best practice per arrivare a risparmiare fino al 15-20% del proprio carburante

0

Ne hanno discusso tutti, ovunque, nelle scorse settimane non si è parlato d’altro: il prezzo della benzina è salito alle stelle, fino al 30% in più rispetto a pochi mesi fa, e potrebbe impennarsi di nuovo.

L’intervento del Governo, con un taglio delle accise nel ‘Decreto Taglia-Prezzi’, ha permesso un risparmio complessivo di 30,5 centesimi al litro, abbassando i prezzi. Da più parti arrivano però inviti alla cautela: la benzina potrebbe aumentare ancora. L’intervento legislativo ha infatti una durata di 30 giorni. Che significa? Dal 21 aprile i prezzi potrebbero salire di nuovo, se non dovessero esserci proroghe.

Si tornerà a viaggiare su cifre superiori ai 2 €/l anche ai distributori self-service? Difficile dirlo, le variabili in gioco sono tantissime, tra ripresa economica post-Covid, accise, IVA, prezzo al barile e situazione internazionale. Di sicuro gli automobilisti, in ogni caso, dovranno farsi trovare pronti.

Sul canale YouTube di automobile.it, Matteo Valenza prova a mettere un po’ di ordine con alcuni consigli e best practice per arrivare a risparmiare fino al 15-20% del proprio carburante. Tra buone pratiche di ordinaria manutenzione (attenzione alle noncuranze energivore…), velocità ridotte – anche in autostrada – e la modalità eco da perseguire con zelante fanatismo, l’influencer confeziona un vero e proprio manuale del risparmio sul consumo della propria auto condensato in pochi minuti di video.

Sono tantissime le variabili che regolano il mercato del petrolio e il prezzo della benzina: per fortuna, ci sono anche tanti accorgimenti per provare a limitare gli esborsi economici e, perché no, magari risparmiare qualcosina.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->