domenica, Ottobre 24

Il Presidente dello Zimbabwe chiede scusa ai cittadini

0

Il Presidente Robert Mugabe, in occasione delle celebrazioni del 36° anniversario dell’ indipendenza dello Zimbabwe dal dominio britannico, ha chiesto pubblicamente scusa ai dipendenti pubblici per il fallimento del Governo e per l’impossibilità di pagare gli stipendi e le pensioni in tempo. «Il regalo più grande che possiamo fare al nostro Paese è quello di estirpare la corruzione e il nepotismo» ha affermato Mugabe «il Governo chiede scusa per il ritardo dell’erogazione dei salari e delle pensioni».

La crisi economica nello Zimbabwe piega la popolazione che già da mesi protesta per chiedere le dimissioni del Presidente, che sarebbe responsabile del peggioramento delle condizioni economiche del Paese. Il Governo ha stimato, infatti, che quattro milioni di persone, che costituisce un quarto della popolazione rurale del Paese, avrà bisogno di aiuti alimentari quest’anno a causa della siccità. In migliaia hanno partecipato alla Festa di Indipendenza dello Zimbabwe, ma, come racconta Haru Mutasa, giornalista zimbabwese: «Molti, qui ad Harare, sentono che, finché rimarrà Mugabe al potere, non ci sarà niente da festeggiare».

 

(Video tratto dal canale Youtube: Al Jazeera Englis)

 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->