venerdì, Maggio 7

Il Presepe subacqueo con la culla di Gesù L'emozione del rito del Natale in fondo al mare....

0

A Baia Verde presso Catania si rinnova la tradizionale immersione dedicata alla posa del Gesù Bambino, realizzato da un artista ceramista locale, nella sua culla in fondo al mare vicino alle statue di pietra della Madonna e di San Giuseppe.
Gli amici della ‘Scubadivingschool Baia Verde Catania’, capitanati dal direttore Carmelo Mannino, nella loro splendida sede presso l’Hotel Baia Verde di Catania condividono tramite questo video la gioia di un rito del presepe subacqueo divenuto, ormai, una piacevolissima consuetudine.
Quest’anno c’è, in più, la sorpresa del dono recato dal Maestro Nicolò Morales, che ha voluto creare, per loro l’opera delGesù Bambino degli abissi’, opera in maiolica, deponendolo personalmente ai piedi dell’altare allestito per la benedizione prima dell’immersione durante una messa apposta con il suono della cornamusa che ha contribuito a completare il clima natalizio.
Indossate le attrezzature i subacquei si sono immersi portando in processione il Bambino Gesù sul fondo marino fino alla sua culla nel presepe appositamente preparato. La cerimonia prevede anche un brindisi sott’acqua che celebra la felicità dei numerosi subacquei che vi hanno preso e lieti di potersi scambiare gli auguri in tale suggestiva maniera. Riemersi, un ricco buffet condivide la gioia già provata con coloro che hanno atteso trepidanti e attoniti sulla terra.
C’è già voglia di ripetere l’incontro…ma dovremo aspettare un anno…

(tratto dal canale Youtube di un utente)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->