sabato, Maggio 21

Il pivot della Russia verso l’Asia: l’India Conclusa la visita del Ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, in India, uno sguardo alla partnership strategica Russia-India

0

Ieri si è conclusa la visita di due giorni del Ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, in India. Prima l’incontro di Lavrov con il suo omologo indiano, Subrahmanyam Jaishankar, poi con il Primo Ministro indiano, Narendra Modi.
Una visita nel contesto della quale l’Ucraina e gliinteressi politici ed economici della Russia nei confronti del gigante asiatico sono stati al centro dei colloqui.
New Delhi ha sottolineato il suo impegno per la pace in Ucraina, dicendo che l’India «è sempre stata favorevole a risolvere le dispute attraverso la diplomazia», con Mosca che la elogiava dicendo che Mosca «apprezza che l’India stia valutando la situazione nella totalità dei fatti e non solo in modo unilaterale», e apriva alla mediazione dell’India sullo scenario della guerra ucraina.
Lavrov da parte sua ha calcato la mano sulla forte partnership tra i due Paesi, escludendo che le pressioni statunitensi su Delhi abbiano successo -«Non ho dubbi che la pressione non influirà sulla partnership, non ho dubbi che nessuna pressione influirà sulla nostra partnership…»-, e ha dichiarato che Mosca è pronta a fornire petrolio e armi hi-tech richieste da Delhi. «Saremo pronti a fornire all’India qualsiasi merce che vorrà acquistare da noi. Siamo pronti a discutere». Sottolineando che le relazioni tra Mosca e Nuova Delhi sono vecchie di decenni, Lavrov ha affermato: «I colloqui sono caratterizzati da relazioni che abbiamo sviluppato con l’India per molti decenni. Le relazioni sono partnership strategiche… Questa è stata la base su cui abbiamo promosso la nostra cooperazione in tutti i settori». Il Ministro ha detto di apprezzare la diplomazia indiana e ha assicurato di estendere il sostegno all’India definendola un ‘partner leale’. Circa la cooperazione in materia di sicurezza ha affermato: «Credo che le politiche estere indiane siano caratterizzate dall’indipendenza e dalla concentrazione su reali interessi legittimi nazionali. La stessa politica su cui si basa la Federazione Russa e questo rende noi, come grandi paesi, buoni amici e partner leali».

Alla vigilia di questo incontro Russia – India, Asia Investment Research ha pubblicato un rapporto geo-economico sulla relazione di Mosca con Nuova Delhi. Una sintesi del più ampio lavoro è quella che segue.

***

PARTENARIATO/ACCORDI DELL’INDIA CON LA RUSSIA: MANTENERE APERTE LE OPZIONI

Con il conflitto in Ucraina entrato nel suo secondo mese, la geopolitica asiatica è stata capovolta. L’India, insieme a diverse altre Nazioni asiatiche, si è rifiutata di farsi coinvolgere e si è astenuta dal voto delle Nazioni Unite contro la Russia. Le ragioni di ciò hanno a che fare con il recente miglioramento del commercio e della rilevanza geopolitica tra i due Paesi.
In effetti, l’India e la Russia hanno recentemente firmato più di due dozzine di accordi in una varietà di settori. I 28 accordi hanno concluso la visita del Presidente russo Vladimir Putin a Nuova Delhi e l’incontro con il primo ministro indiano Narendra Modi durante il 21° vertice annuale India-Russia del dicembre 2021, che si basava su precedenti incontri tra i ministri degli esteri dei due Paesi e sulle visite di Modi a Mosca, Sochi e Vladivostok negli ultimi tre anni.

Gli accordi coprono un’ampia gamma di aree tra cui commercio, energia, scienza e tecnologia, istruzione e proprietà intellettuale. India e Russia hanno anche firmato un programma di cooperazione nel campo della difesa per i prossimi dieci anni, dal 2021 al 2031, e hanno fissato obiettivi per 30 miliardi di dollari di scambi commerciali e 50 miliardi di dollari di investimenti entro il 2025.

ARMI

Il Ministro degli Esteri indiano ha affermato che la Russia ha iniziato a fornire i suoi sistemi di difesa missilistica terra-aria S-400 a lungo raggio all’India, sulla base di un accordo firmato dai due Paesi nel 2018.
La visita di Putin in India a dicembre è avvenuta in un momento in cui le relazioni di entrambi i Paesi con gli Stati Uniti erano tese. L’incontro tra Modi e Putin ha dimostrato che l’India vuole mantenere aperte le sue opzioni, secondo Richard Rossow, presidente del Wadhwani per gli studi politici USA-India presso il Center for Strategic and International Studies. «L’India è preoccupata per l’affidabilità degli Stati Uniti come partner, non solo nello spazio della difesa, ma anche per la tolleranza religiosa e i diritti umani in India», ha detto Rossow a ‘Squawk Box Asia‘ della ‘CNBC‘. «Anche se penso che abbiano la maggior parte delle loro uova nel paniere degli Stati Uniti, se ti guardi intorno, ma almeno in difesa, dove hanno bisogno di tecnologia strategica, vogliono assicurarsi di mantenere aperte le opzioni», ha detto.

Mosca, d’altra parte, vuole assicurarsi che nessun Paese, inclusa la Cina, abbia l’egemonia in tutta l’Asia, ha spiegato Rossow. «Quindi, penso che entrambi abbiano interessi strategici prioritari, indipendentemente dalle relazioni con gli Stati Uniti e altri», ha aggiunto.
In una dichiarazione congiunta, India e Russia hanno affermato che intendono «rafforzare la cooperazione nel settore della difesa, compresa la facilitazione dello sviluppo e della produzionecongiunti di equipaggiamento militare, componenti e pezzi di ricambio, il miglioramento del sistema di servizio post-vendita, i progressi verso il riconoscimento reciproco del controllo di qualità e regolari esercitazioni congiunte delle Forze Armate dei due Paesi».

La Russia è ancora uno dei maggiori fornitori di armi dell’India. Secondo un rapporto dello Stockholm International Peace Research Institute, circa il 23% delle esportazioni di armi russe tra il 2016 e il 2020 è andato al Paese dell’Asia meridionale. Il Ministro degli Esteri Shringla ha dichiarato che la Russia ha iniziato a fornire all’India i suoi sistemi di difesa missilistica terra-aria S-400 a lungo raggio, sulla base di un accordo firmato dai due paesi nel 2018. «Le forniture sono iniziate e continueranno nell’avvenire», ha detto, aggiungendo: «È importante notare che, che sia noi o la Russia, conduciamo una politica estera indipendente e non penso che dobbiamo guardare alla nostra relazione alla luce di qualsiasi altra relazione esistente». Ma questa partnership potrebbe potenzialmente portare a sanzioni da parte degli Stati Uniti ai sensi di una legge del 2017 volta a dissuadere gli alleati dall’acquisto di armi russe.
I due Paesi hanno anche firmato un accordo per la produzione locale di oltre 600.000 fucili d’assalto AK-203 russi in India. Negli ultimi anni, l’India ha intensificato i suoi acquisti di equipaggiamento militare dagli Stati Uniti, ma la maggior parte del suo inventario di difesa è ancora di origine russa. L’anno scorso, gli Stati Uniti hanno firmato un accordo con l’India che consentirebbe a Nuova Delhi di accedere ai dati satellitari statunitensi cruciali per prendere di mira missili e altre risorse militari.

Il Ministro degli Esteri indiano Harsh Vardhan Shringla ha affermato che i due Paesi hanno firmato altri patti di investimento, inclusi accordi su acciaio, costruzioni navali, carbone ed energia. Ha aggiunto che è attualmente in corso di attuazione un contratto del 2018 per i sistemi missilistici S-400. Putin si è recato in India con i ministri della Difesa e degli Esteri russi in una visita che ha visto i due Paesi rafforzare i loro legami con un patto di cooperazione militare e tecnica fino al 2031 e l’impegno a incrementare il commercio annuale a 30 miliardi di dollari entro il 2025.

La compagnia petrolifera russa Rosneft ha dichiarato di aver firmato un contratto con Indian Oil per fornire fino a 2 milioni di tonnellate di petrolio all’India entro la fine del 2022. I Paesi hanno anche firmato un protocollo d’intesa affinché la Russia invii una fornitura ininterrotta di carbone all’India per sostenere la sua produzione di acciaio, tra le altre cose.

ENERGIA

L’India sta negoziando investimenti tra i 2 e i 3 miliardi di dollari in progetti russi di esplorazione e produzione di petrolio e gas con il governo russo, con Mosca che offre diversi giacimenti di petrolio e gas alla società indiana di esplorazione delle risorse naturali ONGC Videsh e a qualsiasi potenziale consorzio che potrebbe formare per il progetto.

I Paesi sono anche in trattative sugli investimenti dell’India in progetti di esplorazione di petrolio e gas nell’Artico, compreso lo sviluppo del progetto Vostok Oil. Secondo le stime preliminari, la produzione annuale di greggio del progetto potrebbe raggiungere i 100 milioni di tonnellate. Tre regioni russe dell’Estremo Oriente, vale a dire Yakutia, Sakhalin Oblast e Amur Oblast, hanno finora mostrato interesse per gli investimenti dell’India nei loro settori petroliferi e del gas, mentre i negoziati continuano.

La Russia ha chiesto all’India di aumentare i suoi investimenti nel settore petrolifero e del gasdel Paese sanzionato, nonché di sviluppare le reti di vendita delle società russe nella terza economia più grande dell’Asia. Dallo scoppio del conflitto in Ucraina, i produttori di petrolio russi offrono uno sconto del 25-27% sui prezzi del greggio Brent. Rosneft, la compagnia petrolifera statale russa, è già uno dei maggiori fornitori di greggio dell’India e, insieme alla Indian Oil Corporation, ha firmato un contratto per la fornitura di un massimo di 2 milioni di tonnellate di petrolio all’India attraverso il porto di Novorossiysk sul Mar Nero russo da la fine del 2022. Sarebbe accessibile tramite l’INSTC.

L’India ha tentato di diversificare le sue fonti di importazione di petrolio dal Medio Oriente rivolgendosi, in parte, alla Russia. Il petrolio scontato sarà chiaramente una benedizione per l’economia indiana in un momento in cui i prezzi globali del greggio sono saliti ai livelli più alti dal 2008.

LA CANTIERISTICA NAVALE E IL PASSAGGIO DEL MARE DEL NORD. FERTILIZZANTI E LIBERO SCAMBIO

L’India ha anche mostrato interesse per il potenziale delle attività di costruzione navale a Vladivostok (all’estremo oriente russo) e Gujarat(nell’India occidentale) per la progettazione e la costruzione della prossima generazione di petroliere e gasiere. Il Primo Ministro Modi è stato il primo ministro del Gujarat dal 2001 al 2014, con l’area con cantieri navali che tengono d’occhio non solo il trasporto marittimo in grado di soddisfare le esigenze dell’Artico, ma anche per soddisfare i requisiti del corridoio di trasporto internazionale nord-sud (INSTC). L’INSTC è una rotta alternativa del Canale di Suez che va da Mumbai all’Iran, quindi multimodale a nord attraverso l’Iran e verso i porti del Mar Caspio verso l’Asia centrale, il Caucaso e l’Europa. È probabile che questa rotta ‘meridionale’ si dimostri popolare in quanto consente il transito di merci dall’UE all’Asia senza la necessità di transitare attraverso la Russia.

L’India ha mostrato interesse nell’approvvigionamento di fertilizzanti organici dalla Russia, uno sviluppo interessante in considerazione del fatto che Nuova Delhi ha dichiarato l’intenzione che l’India si sviluppi come un importante esportatore di grano a causa delle interruzioni della catena di approvvigionamento globale create dal conflitto in Ucraina -sia la Russia che l’Ucraina sono i principali fornitori di grano. L’India sta implementando misure nel 2022 per cercare di trarne vantaggio, tra cui la garanzia che i laboratori approvati dal governo testino adeguatamente la qualità delle esportazioni, la messa a disposizione di vagoni ferroviari aggiuntivi e la collaborazione con le autorità portuali per dare priorità alle esportazioni di grano. L’India ha il vantaggio delle scorte in eccedenza in patria e di un forte aumento dei prezzi globali. Finora, l’organizzazione sembra essere sulla buona strada. Le esportazioni di grano indiano sono aumentate nel 2021 per raggiungere 6,12 milioni di tonnellate. Si ritiene che un obiettivo per il 2022 sia l’esportazione di 10 milioni di tonnellate di grano dopo il raccolto della nuova stagione di giugno/luglio.

L’India ha anche discusso con il blocco commerciale dell’Unione economica eurasiatica(EAEU), di cui la Russia è responsabile di circa il 90% di tutto il commercio. L’EAEU comprende anche Armenia, Bielorussia, Kazakistan e Kirghizistan. Un accordo EAEU di libero scambio sarebbe utile per l’India poiché è improbabile che i produttori indiani che riforniscono il mercato interno subiscano una seria concorrenza nel proprio mercato da parte degli esportatori russi, un timore che ha portato l’India a ritirarsi dall’accordo RCEP nel 2020 a causa delle preoccupazioni per gli esportatori cinesi competere con i produttori nazionali indiani.

GEOPOLITICA ATTUALE
L’India ha sostenuto la Russia durante il conflitto in Ucraina e si è astenuta o ha votato contro vari voti anti-russi presentati alle Nazioni Unite. Washington ha minacciato sanzioni, ma al momento queste rappresenterebbero probabilmente un passo troppo avanti per le tensioni del mercato globale. I due Paesi hanno dichiarato interesse a sviluppare meccanismi di pagamento diversi dal dollaro e stabilire corridoi di pagamento in rublo-rupia. Un’altra dinamica interessante è che il Pakistan, tradizionalmente nemico indiano, ha elogiato l’India per la sua posizione sulla Russia e si è allineato con Mosca, un raro esempio di India e Pakistan che condividono interessi regionali simili.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->