mercoledì, Maggio 12

Il nuovo servizio di messaggistica buddista on line

0

In un mondo dove i servizi di messaggistica on line sono una realtà tanto consolidata, quanto irrinunciabile, una novità coinvolge il fronte religioso, nello specifico, quello buddista: il politico miliardario, Kirsan Ilyumzhinov, sta investendo sulla creazione di un singolare servizio di messaggistica on line, progettato appositamente per i buddisti. La nuova piattaforma sarà simile a qualsiasi altra piattaforma e coinvolgerà chat, condivisione di file e adesivi, chiamate di gruppo e video.

«Lanceremo questa piattaforma buddista nel giro di due o tre settimane. Abbiamo già parlato con Sua Santità il Dalai Lama e altri buddisti. Il servizio è destinato ai buddisti e a quelli interessati alla religione e la storia del Tibet e alla vita di Sua Santità il Dalai Lama» ha detto Kirsan.

Il servizio prenderà il nome del suo creatore, Kirsan.ime, inoltre, sarà caratterizzato da vari giochi, applicazioni, puzzle e da un calendario buddista. Il programmatore a capo del progetto è Nikita Goldsmit.

Ilyumzhinov, l’ex presidente della Repubblica di Kalmykia, ripone fiducia nella missione del nuovo servizio, quella, cioè, di unire i 500 milioni di praticanti di tutto il mondo. Gli investimenti ammontano a 1 milione di dollari, ma il team del progetto ritiene probabile che saranno necessari più fondi nel prossimo futuro.
Intanto, App Store e Google Play hanno già firmato per distribuire l’app.
(Video tratto dal canale Youtube: interesting on the planet)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->