sabato, Aprile 10

Il Mondo lento del dopo – coronavirus Il riavvio delle attività sarà lento, e quando riavvio sarà, sarà lento il modo di procedere delle diverse attività, dunque il ritmo produttivo, la produttività sarà macchinosa e lenta

0

Sembra di poterlo dire con certezza: il mondo nei prossimi mesi sarà molto lento.
All’inizio della crisi da coronavirus Covid-19, economisti e politici impegnati nelle proiezioni ipotizzavano scenari diversi in base alla durata della pandemia, al suo persistere, ma gran parte degli scenaristi propendevano per una crisi economica seppur drammatica, ma probabilmente di breve durata, e dopo la quale comunque la ripresa sarebbe stata forte e immediata. Nelle ultime settimane la sicurezza della ripresa forte e immediata si è spenta.
Lunedì il Wall Street Journal’ è stato chiarissimoquanto drastico: la riapertura del sistema delle imprese saràfragile, parziale e lenta’, e così sarà la ripresa economica.

Ieri, poi, il World Economic Outlook di aprile del Fondo Monetario Internazionale (FMI) è stato raggelante. Per il 2020 il FMI stima una contrazione globale del 3%, la pandemia determinerà perdite per 9.000 miliardi di dollari.
Il Pil dell’Eurozona crollerà del 7,5% e quello degli USA del 5,9%. L’Italia subirà una contrazione del 9,1%, la Germania del 7%, la Francia segnerà un -7,2% e la Spagna -8%. Si salveranno solo Cina e India, che cresceranno molto meno del previsto, ma cresceranno, la Cina del 1,2% e l’India del 1,9%.
Il Fondo per il
2021 prevede un rimbalzo del PIL mondiale del 5,8%, ma mette le mani avanti. Il rimbalzo, e rimbalzo di queste dimensioni, ci sarà solo a condizioni che «la pandemia svanisca nella seconda metà del 2020» e che le misure di contrasto intraprese dai Governi riescano a contenere i danni, «prevenire diffusi fallimenti di imprese, estese perdite di posti di lavoro e tensioni finanziarie a livello sistemico». Questa ripresa, avverte però il Fondo, «è solo parziale» e ipotetica, dal momento che è impossibile prevedere con esattezza le conseguenze economiche della pandemia. E’ una crisi «senza precedenti, e vi è una forte incertezza rispetto al suo impatto sulla vita e sui mezzi di sussistenza delle persone», sottolinea il Fmi, vi è una forte «incertezza su come sarà il panorama economico quando emergeremo da questo blocco». E qui, e per questo, viene il peggio della nota di ieri: il FMIprospetta tre scenari alternativi, decisamente drammatici, che potrebbero portare a un taglio aggiuntivo della crescita fino a 8 punti percentuali.
Il primo scenario ipotizza un
lockdown più lungo, rispetto all’ipotesi base della pandemia finita nella seconda metà dell’anno in corso. Un eventuale prolungamento delle misure di contenimento del 50% si tradurrebbe in un crollo del 6% del Pil globale quest’anno e in un rimbalzo più debole il prossimo.

Nel secondo scenario, l’Fmi immagina un ritorno dell’epidemia nel 2021, con un intensità pari ai due terzi di quella attuale. In tale situazione, governi e banche centrali avrebbero minori risorse a disposizione per rispondere alla nuova emergenza e si assisterebbe a un taglio del 5% del Pil rispetto allo scenario base. Dunque, invece di un rimbalzo del 5,8%, l’incremento del Pil globale nel 2021 si limiterebbe a un asfittico 0,8%.
Il terzo scenario disegnato dall’Fmi prevede entrambe le cose, ovvero sia un prolungamento del lockdown quest’anno, sia una seconda ondata di coronavirus il prossimo 2021. Una situazione del genere spingerebbe il Pil globale dell’8% sotto le stime dello scenario base, con una contrazione del 2,2% nel 2021.

L’incertezza espressa e sottolineata dal Fondo Monetario Internazionale, non è soltanto relativa al comportamento del virus, bensì appare ancora più marcata sulcome’ «sarà il panorama economicoquando emergeremo da questo blocco», e sui tempi di riavvio. E infatti proprio questo è il nodo, che in questi ultimi giorni sta emergendo prepotentemente nelle analisi sia degli studiosi, sia degli operatori sul terreno, fotografato lunedì dal‘Wall Street Journal’.
Non solo il riavvio delle attività sarà lento, ma quando riavvio sarà, sarà lento il modo di procedere delle diverse attività, dunque il ritmo produttivo, la produttività sarà macchinosa e lenta. Il ritorno alla normalità, nella prima fase di riavvio del sistema, sarà tutt’altro che la normalità che conoscevamo prima dell’ingresso in scena del virus, affermano i giornalisti di ‘Wall Street Journal’, dopo essersi confrontati con i manager delle principali compagnie americane e non solo. La previsione è che lanormalità’, e con essa la produzione, si rivedrà soltanto quando sul mercato sarà arrivato finalmente il vaccino, ovvero circa tra un anno.
Per il prossimo anno circa il mondo sarà lento.

Il perché della macchinosità della riapertura -riapertura a ‘pezzi’, come sta avvenendo in quasi tutti i Paesi, a partire dall’Italia, che ha iniziato il suo riavvio proprio ieri– è abbastanza ovvio:l’attività è tutta da impostare a nuovo, tenendo presente la necessità di convivere quotidianamente e ovunque con il virus e l’annessa farraginositàdelle norme che i vari governi stanno approntando. Le modalità di lavoro, i cicli produttivi di fabbriche piuttosto che attività commerciali devono essere completamente rivisti, come riviste saranno le modalità di ingresso in fabbriche o attività commerciali sia di lavoratori che di Clienti,fornitori, o semplici visitatori, come le modalità di stare e muoversi nei diversi luoghi di produzione, piuttosto che le azioni di sanificazione da ripetere più volte al giorno (basti vedere il ‘Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro’ in Italia).
Elemento molto importante, restano da definire,da parte della maggior parte dei governi occidentali i presupposti: ovvero i test di massa per individuare i positivi, e le modalità di tracciamento, ovvero le app per il tracciamentodei positivi al coronavirus, avvisando di eventuali contatti con positivi, più o meno sul modello diquanto Cina e Corea del Sud hanno prontamente sviluppato, una sorta di cane da guardia e insieme passaporto per uscire di casa e condurre una vita sociale quasi normale, dispositivi che hannopermesso una ripartenza veloce a quei Paesi.
«La capacità di test, che dobbiamo ancora sviluppare, sarà il ponte da dove siamo oggi alla nuova economia», ha detto nei giorni scorsi il Governatore di New York, Andrew Cuomo.
E, secondo alcuni osservatori, «I programmi di test e tracciabilità su larga scala diventeranno la norma», bisognerà adattare la tecnologia disponibile secondo le necessità contingenti, e questo sarà un passaggio decisivo che ridisegnerà la nuova economia. Non sono pochi a ritenere che questi strumenti di tracciabilità diventerannonormalianche a pandemia sconfitta e vaccino oramai adottato da tutta la popolazione, non ultimo perché, e di questo la nuova economia dovrà ben tener conto, mettendo a frutto la lezione di questa emergenza, il pericolo di pandemie di massa saràilvero pericolo al quale il mondo si dovrà preparare per il futuro.

Contestualmente, come evidenziano ….. non è da sottovalutare la ricostruzione delle linee di creditoe delle relazioni con la clientela, per non parlaredel riavvio della catena di approvvigionamento. Problema particolarmente sentito dalle grandi imprese, ma non solo. Per quanto riguarda la struttura industriale americana, sottolineano alcuni economisti del International Institute for Management Development (IMD), «oltre il 90%delle aziende di Fortune 1.000 ha almeno un fornitore di livello 2 (secondario) a Hubei, nella provincia cinese intorno a Wuhan. Meno di una su cinque di queste aziende ha un fornitore di livello 1 nella regione, ma un anello non funzionante può interrompere l’intera catena. Il collegamento può essere sostituito, ma richiede tempo», e comporta costi.
Il problema dell’approvvigionamento dalla Cina è un problema non certo solo degli Stati Uniti, bensì globale, in dimensioni diverse ma globale. Se la Cina dovesse faticare nella ripresa, la sua lentezza si ribalterà sul resto del sistema a livello mondo. Per quanto, al momento, sembri che la Cina si stia riprendendo abbastanza velocemente, si deve tenere conto che ci troviamo nella classica situazione del ‘gatto che si morde la coda’: la Cina è il più grande esportatore del mondo, ha bisogno del resto del mondo per la propria ripresa economica, il che significa che la lentezza del resto del mondo obbligherà la Cina a rallentare, e, da capo, il suo rallentamento si ripercuoterà sulla lentezza del resto del globo. Questo è il mondo interconnesso.
Da qui si capisce anche il perché la Cina si sta dando un gran da fare per ‘aiutare’ gli altri Paesi ad uscire dalla pandemia -dalla fornitura di assistenza medica a quella finanziaria-, trattasi di ‘solidatietà interessata’.

Si consideri, infatti, che tale attività di organizzazione del riavvio implica da parte delle aziende dei costi non indifferenti(dall’implementazione degli acquisti relativi ai dispositivi di sicurezza personale, attività di sanificazione, eventuali interventi edilizi sulle strutture per adeguarli alle nuove normative), costi stimati per la riconversione che negli USA sono stati stimati da 100 a 1.000 dollari per piede quadrato, il che equivale a un costo complessivo considerevole per le imprese, oltre all’aumento delle procedure burocratiche (e annesso costo del personale). Insomma, ricominciare a lavorare non sarà per nulla facile, sarà decisamente costoso, e per alcuni il rischio sarà la definitiva chiusura.

Organizzata faticosamente la riapertura, ci sarà la macchinosità della produttività, inevitabilmente più lenta, meno produttiva, considerate le procedure alle quali dovrà adattarsi. Anche solo l’ingresso ai luoghi di lavoro sarà rallentato e tortuoso (con preventivo controllo della temperatura corporea, mantenimento di apposito registro, disinfezione, ecc…). Tempi di lavoro ridotti, tempo utilizzato per la sanificazione degli spazi, complessità nell’adattamento ai nuovi modi di operare. Particolari problemi di produttività saranno riscontrati probabilmente da settori quali la ristorazione, piuttosto che l’intrattenimento (cinema, teatri, locali dove si fa musica). La riduzione dei posti disponibili, per rispettare il distanziamento sociale ridurrà drasticamente i fatturati, e certe attività non reggeranno al colpo, specialmente i piccoli locali.

Posto la riorganizzazione della produzione, altro elemento che indurrà la lentezza sarà il rallentamento dei consumi, già evidente nelle statistiche di tutti i Paesi più colpiti. Prime ad essere colpite si stima saranno le compagnie automobilistiche. Ma un rallentamento importante ci sarà per le compagnie aeree (si viaggerà molto di meno) e per tutto il settore del turismo e dell’intrattenimento.
Un rallentamento dei consumi sarà determinato anche dalla perdita di posti di lavoro, piuttosto che dalla diminuzione del compenso causa rotazione dei lavoratori o riduzione dell’orario di lavoro, il che determinerà una riduzione anche nei consumi dei beni di prima necessità.

Gli economisti IMD, sono perentori: la ripresa economica sarà lunga e lenta, prevedendo anche molti fallimenti proprio nella fase di riavvio.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->