giovedì, Maggio 19

Il mondo intero beneficerebbe di una vittoria ucraina sulla Russia Una sconfitta russa porterebbe anche un'ampia gamma di vantaggi per la comunità internazionale

0

Quando Vladimir Putin ha lanciato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina il 24 febbraio, la maggior parte degli osservatori si aspettava che il conflitto sarebbe finito nel giro di pochi giorni. Più di un mese dopo, le forze russe si sono appena ritirate dall’Ucraina settentrionale dopo una costosa e umiliante sconfitta nella battaglia di Kiev.

Mentre la guerra è ancora lungi dall’essere finita, i primi successi dell’Ucraina hanno cambiato la forma del conflitto e hanno acceso le speranze di un’eventuale vittoria ucraina. La sconfitta degli invasori di Putin sarebbe ampiamente acclamata dal pubblico globale che è stato ispirato dalla resilienza e dal coraggio dei difensori dell’Ucraina. Una sconfitta russa porterebbe anche un’ampia gamma di vantaggi per la comunità internazionale.

Il primo e principale beneficiario sarebbe ovviamente l’Ucraina stessa. Sarebbe iniziata un’era di vera indipendenza e integrazione europea, con l’Ucraina del dopoguerra che fungerebbe da fonte di ispirazione per le nascenti democrazie di tutto il mondo. Il processo di ricostruzione sarà necessariamente lungo, ma la nuova Ucraina che emergerà dalle macerie sarà un membro stimato della comunità europea con un forte senso nazionale e un’infrastruttura notevolmente migliorata.

La sconfitta della Russia offrirebbe enormi vantaggi per la Bielorussia, dove il vassallo del Cremlino Alyaksandr Lukashenko si aggrappa al potere grazie soprattutto al patrocinio di Putin. Una vittoria ucraina darebbe al movimento democratico bielorusso, ora per lo più in esilio, una nuova spinta. Probabilmente sarebbe solo questione di tempo prima che il dittatore del Paese indebolito perdesse il potere, aprendo la strada all’emergere di una Bielorussia europea.

Il successo ucraino offrirebbe anche alla Georgia e alla Moldova un’occasione d’oro per riconquistare la piena sovranità e riaffermare l’autorità sulle enclavi controllate dalla Russia nel loro territorio. La Moldova ha un governo filo-europeo che merita sostegno. La Georgia ha ora una maggioranza pro-democrazia che chiede un futuro migliore. Entrambi i Paesi meritano di essere integri e liberi.

Con l’autorità del Cremlino minata dalla sconfitta in Ucraina, i popoli del Caucaso settentrionale avrebbero la possibilità di vedere ripristinata la loro diversità culturale e linguistica. Il Kazakistan e altri Paesi vicini dell’Asia centrale allargherebbero i loro orizzonti e troverebbero nuovi mercati globali, lanciando forse anche una nuova ondata di riforme.

Le vittime delle campagne militari e delle guerre segrete meno conosciute di Putin trarrebbero beneficio da una sconfitta russa. Il Venezuela potrebbe finalmente girare. La Libia perderebbe un’enorme fonte di malizia. Il Mali e la Repubblica Centrafricana si libererebbero del gruppo Wagner, attualmente accusato di essere coinvolto in nuovi episodi di strage genocida. Dopo sei colpi di stato legati a Putin in soli tre anni, una sconfitta russa in Ucraina potrebbe portare un po’ di stabilità tanto necessaria al Sahel e all’Africa occidentale.

La Russia moderna è ampiamente considerata come uno dei principali sponsor mondiali del terrorismo. Mosca è stata a lungo accusata di aver incoraggiato la svolta antiamericana di Al Qaeda. Più recentemente, il Cremlino ha stretto rapporti amichevoli con i talebani. Nel frattempo, Mosca ha sostenuto il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Iraniane (IRGC) in Iraq, Siria, Libano e oltre. Una sconfitta russa castigherebbe l’Iran e indebolirebbe molti altri elementi canaglia che guardano a Mosca.

Per un certo numero di anni, la Russia ha sconvolto in modo aggressivo le democrazie occidentali e ha cercato di sfruttare le divisioni sociali esistenti ove possibile. Una minore interferenza russa creerebbe spazio per politiche e processi decisionali migliori da parte dei governi eletti in Europa e Nord America. Senza il vantaggio dell’amplificazione artificiale degli allevamenti di troll del Cremlino, i populisti troverebbero molto più difficile guadagnare terreno.

È fondamentale che una sconfitta russa sia accompagnata dalla responsabilità per i crimini di guerra russi. Questo è atteso da tempo. Dal saggio di Putin del 2021 che negava l’esistenza dell’Ucraina fino ai suoi deliri fascisti alla vigilia dell’invasione, il leader russo non aveva nascosto il suo desiderio di distruggere lo Stato ucraino. Le esecuzioni di massa a Bucha e altrove in Ucraina confermano la vera natura della campagna russa.

Ora è chiaro che stiamo assistendo a un genocidio in atto nel cuore dell’Europa. Quando negli ultimi giorni sono emersi dettagli sui crimini di guerra russi, il professor Eugene Finkler della Johns Hopkins ha emesso un verdetto conclusivo: “Come studioso di genocidio, sono un empirista. Di solito respingo la retorica. Prendo anche le denunce di genocidio con un carico di sale perché gli attivisti lo applicano quasi ovunque. Non adesso. Ci sono azioni, c’è intento. È il più genocidio possibile. Puro, semplice e visibile a tutti.”

I crimini della Russia in Ucraina riflettono il senso di impunità che anima le azioni di Putin sulla scena internazionale. Dall’invasione della Crimea nel 2014 e dalle atrocità in Siria agli omicidi politici e alle interferenze elettorali in Europa e negli Stati Uniti, il sovrano russo ha agito a lungo come se fosse al di sopra del diritto internazionale. Una vittoria ucraina potrebbe servire come un passo importante per ritenere Putin responsabile.

Il mondo di Putin si è già ridotto. In poco più di un anno, è passato dall’esultanza per l’insurrezione all’interno della Beltway alla sofferenza di una serie di umilianti battute d’arresto militari in una guerra che la maggior parte dei russi si aspettava durasse poche ore. Ora si ritrova un paria internazionale e nelle capitali occidentali viene regolarmente definito un criminale di guerra.

Come potrebbe avvenire una vittoria ucraina? Se l’Ucraina ricevesse un maggiore sostegno militare dall’Occidente, l’esercito ucraino potrebbe spingere le forze russe fuori dall’est e liberare la costa meridionale del Paese. La superiorità aerea e ulteriori risorse navali sarebbero necessarie per rompere il blocco illegale della Russia ai porti ucraini del Mar Nero e alla fine liberare la stessa Crimea.

Una Russia sconfitta dovrebbe ancora fare i conti con le sanzioni internazionali e dovrebbe affrontare la prospettiva di una diminuzione dei ricavi dalle esportazioni di energia mentre i clienti chiave si allontanano lentamente ma costantemente da Mosca e cercano altrove fornitori meno compromessi geopoliticamente. Il Cremlino dovrebbe anche fare i conti con importanti sconvolgimenti interni scatenati dallo shock della sconfitta in Ucraina.

Per il resto del mondo, ci sarebbe molto da auspicare. Fondamentalmente, la capacità del Cremlino di impegnarsi in attività internazionali destabilizzanti sarebbe drasticamente ridotta. Ogni singolo Stato libero e rispettoso della legge ha un chiaro ed evidente interesse ad aiutare l’Ucraina a ottenere la vittoria sulla Russia. Un mondo libero dall’impunità e dalle interferenze di Putin sarebbe un posto migliore.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Chris Alexander è un distinguished fellow del Canadian International Council e del Macdonald-Laurier Institute. È stato vicecapomissione canadese a Mosca, segretario parlamentare per la difesa nazionale e ministro della cittadinanza e dell'immigrazione

End Comment -->