martedì, Maggio 17

Il Metaverso più seguito è un casinò online La piattaforma dedicata al gioco del Metaverso ha fatto registrare 6.000 giocatori al giorno, circa il 30% dell’utenza di Decentraland. Questo in poche settimane ha generato numerose entrate, pari a circa 7,5 milioni di dollari

0

Il mondo è in continua evoluzione e con esso la tecnologia. La nostra società è sempre connessa, con un villaggio globale che raggiunge ogni angolo del nostro pianeta. In questi anni si sono fatti strada numerosi social network, nuove monete come le criptovalute e anche casinò online. Quest’ultimo fa parte della notizia di oggi, perché nel metaverso che si sta creando c’è un luogo sempre popolato, ovvero il casinò virtuale.

Tutti noi conosciamo i principali casino in Spagna, in Italia o i famosissimi di Las Vegas. Ecco con il metaverso, che per chi non lo sapesse è un termine coniato da Neal Stephenson in ‘Snow Crash’, libro di fantascienza cyberpunk, descritto come una sorta di realtà virtuale condivisa tramite internet, dove si è rappresentati in tre dimensioni attraverso il proprio avatar. Insomma una nuova realtà dove coinvolgere le persone in attività innovative ma anche di tutti i giorni. Tra i tanti più famosi c’è Decentraland, una piattaforma decentralizzata basata su blockchain Ethereum, che dà vita ad un mondo digitale che gli iscritti possono abitare e nel quale possono creare esperienze e contenuti. Una sorta di Second Life su blockchain, quindi con caratteristiche peculiari. A fine dicembre 2021 gli utenti registrati erano più di 800.000 e quelli attivi mensili erano poco meno di 500.000. Questo, insomma, ha visto una crescita esponenziale, ma a molti è sembrato vuoto, fino a chiedersi il motivo e avanzare delle critiche sul nuovo mondo. Beh, la risposta risiede nel fatto che molti si dedicano al casinò virtuale di ICE Poker.

La piattaforma dedicata al gioco del Metaverso ha fatto registrare 6.000 giocatori al giorno, circa il 30% dell’utenza di Decentraland. Questo in poche settimane ha generato numerose entrate, pari a circa 7,5 milioni di dollari. Una cifra enorme. Miles Anthony, fondatore di Decentral Games, che gestisce il casinò digitale, ha spiegato che “in ogni momento abbiamo più di 1.000 giocatori di poker attivi. Il numero non sembra troppo alto, ma quando parliamo del Metaverso decentralizzato si tratta di una cifra elevata, considerato anche che molti metaversi al momento sono vuoti”.

Insomma dietro al metaverso c’è un giro economico incredibile. Come fa notare Coindesk, però, nonostante si continui a parlare del metaverso, i numeri sono ancora bassi per poter parlare di una vera e propria esplosione. Se proviamo a paragonare quanto sta accadendo al meta con gli NFT, possiamo notare come i due mercati non siano letteralmente paragonabile, visto che OpenSea, ad esempio, conta 50.000 wallett attivi ogni giorno.

Comunque Decentraland, il metaverso del nostro articolo, è gestito da un DAO (acronimo di Decentralized Autonomous Organization. Serve ad indicare un genere di community online basata sulla tecnologia blockchain) che nello scorso anno e mezzo ha comprato ampi spazi di “terreno” su Decentraland, accumulando circa 1.000 lotti sul Metaverso del gioco. Ma perché il casinò virtuale va così di moda? Certamente non è legato al web 3.0 che si sta espandendo a macchia d’olio, ma sta cavalcando l’onda del successo del poker online che ogni giorno coinvolge milioni di utenti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->