lunedì, Settembre 27

Il mercato degli eventi cresce e guarda al futuro Secondo i dati del XIII Monitor degli Eventi e della Live Communication, c’è stato un aumento degli investimenti in questo settore del 2,1% e questo comporta vantaggi notevoli. Quali?

0

Creatività, riconoscimento e sensibilizzazione sono i tre punti cardine che hanno spinto, qualche tempo fa, 39 agenzie di eventi a decidere di riunirsi in un unico grande gruppo: il Club degli Eventi e della Live Communication. Lo scopo era valorizzare e promuovere insieme l’importante ruolo che ricopre, nell’ambito della comunicazione, chi si occupa di eventi. Proprio il XIII Monitor degli Eventi e della Live Communication, svolto da Astra Ricerche, ha dato lo scorso ottobre un esito davvero positivo. Secondo i dati c’è stato un aumento degli investimenti in questo settore del 2,1%.

Ma investire nel mercato degli eventi quali vantaggi comporta?

Notevoli, se pensiamo che oggi la capacità di mostrare la qualità di un prodotto o di una merce è proprio alla base del successo di un’azienda. La buona comunicazione è ormai un presupposto imprescindibile per la crescita di un brand e non solo. Inoltre, lanciare un nuovo prodotto, organizzare una conferenza, creare un dialogo con il proprio target di riferimento significa anche interagire con più settori contemporaneamente, oltre che essere professionali e creativi.

Molti sono, infatti, gli aspetti che entrano in campo quando l’obiettivo è la riuscita di un evento: la scelta della location, il catering, le iniziative promozionali legate allo stesso. Tutto ciò si traduce in un giro di affari che riguarda direttamente hotel e sale congressi ma anche tutte le aziende legate alla promozione degli eventi. Queste ultime posso essere legate sia al marketing online che offline come le aziende produttrici di articoli personalizzati. Le t-shirt personalizzate sono fra gli articoli più richiesti e vengono regalate ai partecipanti di un evento per promuovere il brand che lo ha organizzato. L’aspetto logistico e quello enogastronomico vanno inoltre a braccetto soprattutto quando si tratta di fiere.

Insomma il settore è decisamente trainante, proprio perché questo tipo di mercato coinvolge l’economia italiana su più fronti. È pur vero che lo stesso Club deve ancora liberarsi da critiche e pregiudizi e, infatti, tra i suoi obiettivi c’è quello di farsi conoscere da altre agenzie che operano nel settore, ma anche dalle aziende in generale.

Nel futuro si spera di accogliere maggiori investimenti e di vedere maggiormente tutelata quest’attività. La strada che vorrebbe in Italia la presenza di una cultura degli eventi è ancora lunga, ma non sembra più così ardua.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->