lunedì, Ottobre 25

Il matrimonio di Papa Francesco Intervista a un avvocato rotale sul nuovo modello di annullamento del matrimonio

0
1 2


Papa Francesco ha inteso favorire la celerità dei processi di annullamento del matrimoni religiosi.  Con due lettere ‘Motu Proprio datae’, intitolate ‘Mitis Iudex Dominus Iesus‘ e ‘Mitis et misericors Iesus‘, il Santo Padre, l’8 settembre, ha riformato il processo canonico per le cause di dichiarazione di nullità. A oggi, se una coppia vuole rendere nulla l’unione matrimoniale, deve passare attraverso due gradi di giudizio, anche se c’è pieno accordo tra i due sposi. Se queste prime due sentenze non fossero concordi, gli sposi, inoltre, sarebbero giudicati da un terzo grado, quello della Sacra Rota. La riforma nasce da uno studio annuale di una commissione istituita ad hoc che ha analizzato il metodo migliore per riformare questo sistema, troppo costoso e troppo lento.

La riforma, che entrerà in vigore l’8 dicembre, è strutturata su tre modifiche principali, che rivoluzioneranno il Diritto Canonico: prima di tutto, verrà eliminato l’obbligo della doppia sentenza; inoltre, il giudice all’interno del collegio giudicante sarà unico; infine, il vescovo potrà decidere l’annullamento del matrimonio. Questo tipo di legge non veniva modificata da almeno duecento anni, e cioè da quando Papa Benedetto XIV aveva introdotto il giudizio della doppia sentenza.

Per entrare nel merito della decisione del Papa, in questi primi giorni di Sinodo sulla Famiglia, dal quale ben altre importanti novità potrebbero emergere, abbiamo intervistato un avvocato rotale, il quale ha preferito rimanere anonimo, e che si occupa di questo genere di diatribe giudiziarie. Gli avvocati rotali seguono un percorso diverso da quello civile o penale, e in particolare sono gli avvocati più qualificati: hanno conseguito lo specifico diploma di Avvocato Rotale e possono patrocinare presso qualsiasi Tribunale Ecclesiastico di prima e di seconda istanza d’Italia e del mondo, presso il Tribunale della Rota Romana, e presso il Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica. Di avvocati così ve ne sono 250 in tutto nel mondo, e hanno l’obbligo di non rilasciare interviste.

Il Papa ha promulgato due lettere motu proprio: una per la Chiesa di rito latino e una per quella cattolica orientale“, spiega l’avvocato, “che incidono sulla normativa del Codice di Diritto Canonico. Le novità principali sono: l’abolizione della doppia sentenza conforme, fatto salvo il diritto di appello. Il matrimonio, infatti, verrà dichiarato nullo in primo grado se nessuna delle due parti ricorre in appello. Un’altra novità“, continua il legale, “è il giudice unico, per cui il collegio giudicante avrà la possibilità di istituire un solo giudice che però dovrà essere coadiuvato da due assessori, fattore che non cambia di molto la situazione attuale perché parliamo sempre di una figura collegiale“.

Una caratteristica di questa nuova legge, che potrà essere approvata nei prossimi mesi, riguarda un fattore che poche volte viene preso in considerazione: “Ci sarà anche il decentramento dei tribunali: oggi i tribunali che si occupano delle novità matrimoniali si trovano nei capoluoghi di Regione, come a Roma, Firenze o Palermo. In futuro, con la riforma, ogni diocesi, che combacia spesso con la provincia, potrà costituire un tribunale per la cause di nullità del matrimonio. I tribunali di adesso“, continua l’avvocato, “rimarranno comunque a disposizione nel caso in cui un vescovo non possa costituire questo nuovo tipo di struttura diocesana“.

Il ‘processus brevior’, che verrà introdotto con questa riforma, non richiede tutte le formalità del processo ordinario e permetterà di abbreviare drasticamente l’annullamento di alcuni tipi di matrimonio: “Quando la nullità matrimoniale è eclatante ed evidente“, continua il legale rotale, “e gli sposi sono d’accordo tra loro, sarà possibile raccogliere tutte le prove in un fascicolo, portarle al vescovo della propria diocesi e, dopo una fase breve di tipo probatorio da parte di un giudice nominato, il vescovo potrà emettere la sentenza di nullità. Non è quindi il vescovo in persona che fa l’istruttoria della causa, ma verrà coadiuvato da un giudice e da un collaboratore nella dichiarazione di nullità del matrimonio“.

Come è stato detto anche dal Papa, tutti questi cambiamenti non verranno istituiti con lo scopo di rendere più semplice l’annullamento di un matrimonio religioso, perché “non cambia nulla nella parte sostanziale del Diritto Canonico, come i motivi di nullità; è solo che il processo breve, con l’abolizione della seconda sentenza conforme, permette una nullità più rapida ma comunque non più semplice. Dalla richiesta di annullamento“, specifica l’avvocato, “si presume che potrà passare massimo un anno“.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->