lunedì, Agosto 15

Il Kazakistan prova a sfuggire all’abbraccio dell’orso russo Pochi mesi dopo che le truppe russe hanno contribuito a reprimere una rivolta nel paese, i leader kazaki sono diventati diffidenti nei confronti della cooperazione con Mosca

0

Otto anni fa, i kazaki si sono scrollati di dosso le minacce del Presidente russo Vladimir Putin   che aveva avvertito che avrebbe potuto replicare l’operazione Ucraina in Kazakistan. Lo hanno fatto di nuovo a gennaio, quando Putin ha ribadito la sua negazione della nazione e dello Stato kazako mentre le truppe russe si ammassavano al confine con l’Ucraina. Oggi i kazaki non sottovalutano più le parole di Putin.

Di conseguenza, sono probabilmente passati i giorni in cui il Kazakistan avrebbe invitato le truppe russe a reprimere una rivolta popolare e una rivolta alimentata dalle lotte intestine tra l’élite del Paese. Ma, per essere onesti, le truppe russe si sono ritirate entro pochi giorni all’inizio di quest’anno dopo aver contribuito a ripristinare la legge e l’ordine, nonostante la retorica di Putin.

L’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio mette in una luce diversa l’affermazione di Putin secondo cui “il Kazakistan è un Paese di lingua russa nel pieno senso della parola”, anche se pochi, se non nessuno, credono che il leader russo stia per passare all’azione.

Tuttavia, oggi, i kazaki prestano attenzione alle accuse di commentatori e funzionari russi secondo cui il Kazakistan è diventato un nemico non avendo sostenuto la guerra di Putin in Ucraina.

Il Presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev ha espresso chiaramente la sua opposizione all’invasione quando ha partecipato a giugno al Forum economico di San Pietroburgo. Seduto accanto a Putin, Tokayev ha insistito sul fatto che il Kazakistan non riconosceva le ‘formazioni quasi statali’ sostenute dalla Russia separatiste come le regioni ucraine di Donetsk e Luhansk e l’Abkhazia e l’Ossezia meridionale della Georgia.

Tokayev sembrava inoltre confermare le valutazioni russe sull’ostilità kazaka quando ha dichiarato che il Kazakistan sperava di offrire un’alternativa alle imprese occidentali che lasciavano la Russia a causa delle sanzioni statunitensi ed europee imposte in risposta all’invasione.

In precedenza, il Kazakistan si è astenuto in un voto dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha condannato la Russia per la sua invasione dell’Ucraina.

Da allora, il fondo sovrano del Kazakistan ha annunciato che non avrebbe più operato in rubli russi. Il Kazakistan ha anche smesso di produrre il vaccino russo Sputnik V contro il Covid-19.

Più incisivo, il Kazakistan ha invertito la sua politica monetaria di vecchia data, consentendo al tenge kazako di seguire il rublo. In tal modo, ha effettivamente disaccoppiato la sua valuta dalla sua controparte russa.

La Russia ha visto la mossa come un passo verso un ritiro kazako dal comitato monetario della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), l’organizzazione regionale delle ex repubbliche sovietiche fondata dopo la fine dell’Unione Sovietica.

Le lezioni della rivolta di gennaio e dell’invasione russa hanno anche spinto il Kazakistan a concentrarsi sul rafforzamento delle sue forze armate, sulla costruzione di un’industria della difesa locale e sulla riduzione della sua dipendenza dalla Russia per l’acquisto di armi.

Il Kazakistan, l’unico Paese dell’Asia centrale al confine con la Russia, è vulnerabile perché il suo confine kazako-russo di 7.644 chilometri è la frontiera internazionale continua più lunga del mondo e la seconda per lunghezza totale, dopo il confine tra Canada e Stati Uniti.

In rappresaglia per il sostegno kazako agli sforzi per ridurre la dipendenza dell’Unione europea dall’energia russa, la Russia questo mese ha interrotto il flusso di petrolio attraverso un oleodotto che pompa petrolio dal giacimento di Tengiz del Kazakistan al porto russo di Novorossiysk sul Mar Nero.

La chiusura, ordinata da un tribunale russo inizialmente per un mese, è seguita a seguito di una telefonata tra Tokayev e il Presidente del Consiglio dell’Unione europea Charles Michel.

Tokayev spera che l’UE aiuterà il Kazakistan a sviluppare “corridoi transcontinentali alternativi”, inclusa “una rotta di traffico internazionale transcaspico” che aggirerebbe la Russia e la collegherebbe a un gasdotto che collega la capitale dell’Azerbaigian Baku al porto mediterraneo turco di Ceyhan.

Incentrati sulla connettività, i ministri degli Affari esteri e dei trasporti kazako, azero e turco si sono incontrati a fine giugno per discutere lo sviluppo accelerato della rotta o corridoio centrale che collegherebbe l’Europa e la Cina, aggirando la Russia.

Il dialogo UE-Kazako riflette un accresciuto interesse europeo per l’Asia centrale. In una precedente indicazione, i funzionari dell’Unione europea hanno affermato che l’UE sarebbe diventata il principale investitore nella diga più alta del mondo in Tagikistan. La mossa aveva lo scopo di aiutare l’Asia centrale a ridurre la sua dipendenza dalla Russia e costituiva parte della risposta dell’UE alla Belt and Road Initiative cinese.

È un approccio che sta prendendo piede a Washington.

“Mentre i politici di Washington cercano modi per contrastare l’influenza russa e complicare la vita di Putin, aiutare il Kazakistan a ridurre la sua dipendenza dagli oleodotti controllati da Mosca, riformare la sua economia e coordinarsi con i vicini stati dell’Asia centrale per limitare l’influenza di Cina e Russia potrebbe essere un buon punto di partenza”, ha detto l’editorialista del Wall Street Journal Walter Russell Mead.

Ciononostante, le relazioni sempre più tese tra Russia e Kazakistan non hanno impedito al Kazakistan di programmare di partecipare, insieme, tra gli altri, a Cina, Iran, India, Uzbekistan, Azerbaigian e Armenia, ai Giochi internazionali dell’esercito russo il prossimo mese, la prima volta che l’evento si tiene da quando la Russia ha invaso l’Ucraina.

È probabile che i giochi siano un semplice segno di una tendenza al ribasso.

Putin ha segnalato di non aver perso di vista l’Asia centrale a causa dell’Ucraina visitando il mese scorso il Takijistan, sede della più grande base straniera della Russia, e il Turkmenistan per un vertice del Caspio a cui ha partecipato anche Tokayev. È stato il primo viaggio di Putin all’estero da quando le sue truppe hanno invaso l’Ucraina.

“È probabile che la guerra delle parole si intensifichi nei prossimi giorni e settimane. È certamente probabile che Mosca utilizzi il suo controllo degli oleodotti, il suo apparato di propaganda e i suoi legami con la Cina per cercare di tenere a freno il Kazakistan. Nur-Sultan, in risposta, perseguirà probabilmente una politica più nazionalista in patria e cercherà relazioni più strette con l’Occidente”, ha affermato l’analista di Russia e Asia centrale Paul Goble, riferendosi alla capitale kazaka che è stata ribattezzata Nur-Sultan nel 2019.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

James M. Dorsey è senior fellow presso la S. Rajaratnam School of International Studies presso la Nanyang Technological University di Singapore, editorialista sindacato e autore del blog The Turbulent World of Middle East Soccer. In qualità di corrispondente estero, Dorsey si concentra sul cambiamento politico e sociale in Medio Oriente e Nord Africa, sull'impatto del cambiamento in Medio Oriente e Nord Africa sull'Asia sudorientale e centrale e sul nesso di sport, politica e società in Medio Oriente e Nord Africa e Asia.

End Comment -->