lunedì, Maggio 16

Il gioco online batte i casinò fisici anche nel 2021 Sembra ormai irreversibile il passaggio dei giocatori di casinò online e di scommesse sportive verso piattaforme online

0

Il gioco online batte il gioco fisico per 3 a 0. Con la diffusione della pandemia negli ultimi due anni, migliaia di persone si sono riversate su internet per continuare a coltivare la propria passione per le scommesse e per i giochi di casino online.

I casino terrestri, invece, hanno subito molto il contraccolpo e sembra che non saranno in grado di risalire la china. Si tratta probabilmente di un cambiamento epocale che non sembra che sarà reversibile.

In ogni caso, il 2021 è stato un anno interlocutorio per il settore dei giochi e scommesse in Italia. Infatti, spesa ed erario sono in calo.

Per spesa si intende la differenza tra quanto puntato e quanto vinto. Mentre il volume di raccolta è stato pressoché identico all’anno scorso. Questo dato è sensibilmente influenzato dalla quantità di giocatori che hanno preferito le piattaforme online che offrono payout più alti, bonus di benvenuto più interessanti e una maggiore probabilità di vincita. Vediamo brevemente alcuni numeri di quest’anno per capire al meglio la situazione in Italia.

Cosa è successo ai casinò fisici?

Era prevedibile che i continui e pesanti lockdown avessero delle conseguenze catastrofiche sul gioco fisico. E così è stato. Secondo quanto riferito dall’agenzia Agimeg, le slot machines e le videolotteries sono stati gli apparecchi che più degli altri hanno subito un calo maggiore. Infatti, la diminuzione di introiti è superiore al 27% con soli 7,7 miliardi raccolti rispetto ai 10 miliardi del 2020.

La motivazione di questo calo è molto semplice. I casino online europei che spopolano su internet sono in grado di offrire un palinsesto di giochi decisamente più ampio e il tutto avviene tra le tue mura di casa senza dover uscire. Inoltre, è impossibile non citare i bonus di benvenuto che talvolta arrivano a cifre stratosferiche come 1000 € e che fanno gola a tutti gli appassionati di giochi di casino online.

Anche le scommesse sportive hanno perso nettamente la loro importanza tra gli appassionati. Ovviamente, parliamo esclusivamente di quelle piazzate sulla rete fisica. Si è passati da 2,6 miliardi a 1,6 miliardi con un calo di quasi il 31%.

Invece, le scommesse sportive su internet sono cresciute quasi del 57%. Ciò è dovuto ad una serie di ragioni. Innanzitutto, i bookmaker online consentono di accedere a bonus di benvenuto e a continue promozioni che hanno l’obiettivo di amplificare le vincite degli utenti. Inoltre, spesso c’è molta scelta in termini di mercati, eventi e quote più appetibili.

Invece, ci sono giochi che se la passano decisamente meglio. Stiamo parlando di Lotto, Superenalotto e GrattaeVinci. Il lotto chiude con un +32,8% rispetto al 2020 incassando ben 8,5 miliardi di euro. Anche il Grattaevinci chiude con un incremento del 59,2% con 12,9 miliardi di euro raccolti.

Insomma, come si può vedere da questi dati, sembra ormai irreversibile il passaggio dei giocatori di casino online e di scommesse sportive verso piattaforme online.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->