venerdì, Ottobre 22

Il fotografo James Nachtwey vince il premio Principessa delle Asturie field_506ffb1d3dbe2

0

Il fotografo statunitense James Nachtwey, noto per i suoi reportage fotografici in zone di guerra e di disastri naturali, ha vinto il premio Principessa delle Asturie 2016 per la ‘comunicazione e l’umanistica’. Nachtwey è tra i più importanti fotoreporter di guerra contemporanei ed è stato elogiato dallo stesso Presidente della giuria, che ha motivato così la vittoria: «nel compiere una professione che lo ha portato a coprire una trentina di guerre e di crisi umanitarie, non ha mai abdicato ai principi etici del giornalismo e non ha mai mascherato la realtà».

Il premio Principessa delle Asturie è un riconoscimento nato nel 1981 per iniziativa della ‘Fondazione Principe delle Asturie’ e viene consegnato annualmente nell’omonimo principato presso la capitale Oviedo. Costituisce un evento accademico di prim’ordine, non solo per la categoria dei premiati ma anche per la composizione della giuria.

Già due volte vincitore del World Press Photo, James Nachtwey è nato nel 1948 a Syracuse, nello stato di New York. Ha iniziato la sua attività di fotogiornalista alla fine degli anni Settanta, più esattamente nel 1976, per un quotidiano locale del Nuovo Messico. Nel 1980 si trasferisce a New York dove comincia a lavorare come fotografo freelance e nel 1981 intraprende il suo primo incarico all’estero in Irlanda a documentare lo sciopero della fame di alcuni militanti dell’Ira.

 

 

(video tratto dal canale YouTube di Euronews)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->