domenica, Aprile 11

Il FMI aiuterà l'economia somala field_506ffbaa4a8d4

0

Dopo decenni di guerra civile che hanno messo in rovina l’economia somala, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha accettato di aiutare a ricostruire l’economia del Paese.

L’annuncio è stato fatto proprio dal direttore generale del FMI, Christine Lagarde, venerdì scorso (27 maggio) in cui ha accettato la richiesta di aiuto da parte delle autorità somale e ha approvato un programma personale-controllato per aiutare a ricostruire l’economia del Paese. Questo programma di supervisione, denominato ‘Staff-Monitored Program’ (SMP), durerà un anno e mirerà a ripristinare la stabilità macroeconomica, a ricostruire le istituzioni, a migliorare la governance, le statistiche economiche e a rafforzare la valuta del Paese che in questo momento si trova in grande difficoltà. Lo Staff-Monitored Program sarà attuato tra maggio 2016 e aprile 2017 e si occuperà anche di attuare una nuova riforma monetaria, di dare un nuovo slancio al sistema bancario del Paese e di portare migliorie alla legislazione contro il riciclaggio di denaro. Quest’ultimo si tratterà di un grande compito poiché secondo recenti analisi si suppone che circa il 95% delle banconote in circolazione nel Paese sono false. Inoltre si sta studiando una strategia per ridurre al minimo il debito del Paese; il principale è quello che ha nei confronti di Washington e che non gli permette di ricevere altri fondi dal FMI. Arretrato che ora ammonta a 328 milioni di dollari.

 

 

(video tratto dal canale YouTube di CCTV News)

 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->