domenica, Maggio 9

Il fantasma MH370 field_506ffb1d3dbe2

0

mh370 indonesia

Bangkok – Come è facile immaginare, l’andamento borsistico della Malaysia Airlines MAS e le sue sorti nel mercato azionario, dopo le recenti tragiche vicissitudini dell’aereo scomparso nelle acque del Sud Est asiatico, sono tutt’oggi un contesto alquanto difficile da decifrare. Ed altrettanto prevedibilmente si affolla di notizie più o meno vere più o meno artefatte, secondo le necessità del piazzamento del titolo in Borsa.

L’ultimo e più recente atto che si incastona in questo quadro è l’apprezzamento di due Sen del titolo azionario MAS a seguito delle notizie per le quali la linea aerea della Malaysia possa essere privatizzata ed acquisita dalla Khazanah Nasional Limited. Nella tarda giornata di venerdì, un documento ufficiale della Khazanah è intervenuto a bollare con nettezza i rumors come semplicemente “speculativi”. «Una revisione completa delle opzioni di ristrutturazione per la Malaysia Airlines sono tutt’ora in fase di valutazione e di analisi», si legge in un piccato comunicato stampa ufficiale emesso dalla Khazanah Nasional Limited. «Il completamento di questa revisione sarà effettuato dopo attenta considerazione e dopo le reciproche approvazioni delle parti più rilevanti e delle autorità preposte, compresa l’appovazione da parte degli shareolders, del Ministero delle Finanze, delle società incorporate».

Le azioni della Malaysia Airlines hanno raggiunto un picco in termini di apprezzamento del 24.5 per cento nella giornata di venerdì, il più alto raggiunto sulla base di un singolo giorno di apprezzamento fin dall’Ottobre 2007, sebbene abbia poi chiuso in giornata a 23 Sen con 19.419 milioni di azioni che son passate di mano. Nella giornata di venerdì Malaysia Airlines ha detto alla Borsa di Malaysia: «Allo stato attuale, la Malaysia Airlines non è preoccupata su alcuna decisione da parte di nessuna delle entità coinvolte sia la Khazanah sia il Governo su questa specifica materia».

Il mercato, però, è particolarmente attento e conscio del fatto che si deve pur prendere una decisione, sebbene drastica, per il salvataggio della Malaysia Airlines. Gli analisti del settore, come quelli di Maybank Investments, affermano che, anche se Malaysia Airlines dovesse essere privatizzata nell’arco di sei mesi come si suppone da più parti, si ritiene possa essere troppo tardi poiché nel frattempo la Società potrebbe aver esaurito le proprie risorse cash ed il suo livello di quotazione potrebbe esser aumentato anche di cinque volte. Hanno anche ripetuto che Malaysia Airlines ha avuto una percentuale di cash bruciato di circa 5 milioni di Ringgit (circa 1.57 miliondi di Dollari USA) al giorno.

La Compagnia aerea ha un cash accantonato pari a 3.1 miliardi di Ringgit (pari a circa 971.8 milioni di Dollari USA) calcolato alla fine dell’anno scorso. Per gli esperti si ritiene che tutto questo non possa essere sovvertito dal solo fatto che i mercati in generale mostrino segni di debolezza oppure a causa delle conseguente derivanti dal disastro dell’aereo MH370. Continua ad avere una chiamata alla vendita sui titoli con un valore fissato a 12.5 Sen per singola azione basata su un prezzo di vendita di 1.0 volte. I tecnici del settore sono convinti che la Malaysia Airlines debba fare un altro giro di aumento di capitale e quindi verificare che non vi sia alcuna ragione per vendere le proprie azioni almeno al momento.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->