venerdì, Maggio 14

Il Dollaro Australiano nel mondo field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


L’attuale congiuntura finanziaria internazionale è caratterizzata da un elevato livello di instabilità, dovuta, in parte, al protrarsi dell’incertezza per situazioni come quella greca o per la volatilità del mercato cinese. Se dunque, da un lato, l’instabilità politico-economica della Grecia ha potenzialmente un moderato effetto domino sull’Eurozona, dall’altro gli andamenti altalenanti del mercato cinese hanno ripercussioni importanti e di più ampia portata, esercitando una particolare influenza su quei Paesi che sono maggiormente legati alla crescita cinese, come l’Australia.

La crescente interdipendenza economica tra Australia e Cina, infatti, ha prodotto una lunga serie di benefici per entrambe le nazioni, sostanzialmente dovuta al fatto che la prima fornisce le materie prime necessarie allo sviluppo costante dell’economia e della società cinese, mentre la seconda sposta ingenti somme di denaro in Australia che, assieme agli investimenti dei nuovi milionari cinesi, comportano un grande e costante afflusso di denaro di cui beneficia l’intero Paese.

Questo legame a doppio filo, tuttavia, comporta anche che l’economia australiana, fortemente legata alle importazioni cinesi, sia anche la più vulnerabile delle due nel caso di un rallentamento generale della crescita economica, condizione che rappresenta la principale debolezza dell’economia australiana. Nelle ultime settimane, ad esempio, si è assistito a due fenomeni opposti ma che mostrano egualmente quanto sia importante il legame appena descritto, ovvero l’instabilità dei mercati cinesi – che si è riflessa sugli andamenti della borsa australiana – e la diffusione dei dati sulla crescita dell’economia cinese – lievemente migliori del previsto, attestata al 7% su base annua – che ha invece avuto un effetto positivo sia sugli indici australiani che sul Dollaro Australiano (Australian Dollar – AUD o A$). Quest’ultimo rappresenta una delle più importanti risorse del Paese, oltre a essere una delle monete più scambiate ed utilizzate al mondo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->