martedì, Luglio 27

Il Coniglio Mannaro image

0

Crozza-Renzi

E, dunque, ricominciamo.

Ricominciamo con le Riforme Istituzionali giuste, ma fatte nel modo sbagliato. Ricominciamo con il ruggito dei topi e con quelli che si affidano a chiunque pur di sopravvivere politicamente. Soprattutto si consegnano (dai variegati centristi a Silvio Berlusconi, dai piddini convertiti ai nuovi arrivati un po’ da ovunque) al nuovo ‘Coniglio Mannaro‘.

‘Coniglio Mannaro’ era il soprannome dato da Gianfranco Piazzesi ad Arnaldo Forlani, allora Segretario della Democrazia Cristiana. Nel caso specifico l’epiteto ‘coniglio’ era riferito all’indole apparentemente docile, la facies di chi è pronto al sacrificio. Poi, all’atto pratico, si dimostrava ben poco malleabile, riuscendo ad ottenere ciò che voleva in termini di potere, spianando, all’occorrenza, chi gli si frapponeva.

Nel caso di Matteo Renzi ‘coniglio’ è riferito all’aspetto fisico, ed alla straordinaria interpretazione di Maurizio Crozza. Ma il risultato finale è lo stesso. Le avversità vengono agevolmente superate con un sorriso, una battuta, lo sgranocchiamento di una carota. Il renziano antemarcia Matteo Richetti si deve sfilare dalle primarie per le Regionali in Emilia Romagna perché indagato per le Auto Blu del Consiglio Regionale, l’Associazione Nazionale Magistrati critica il Governo su tutta la linea per la Riforma della Giustizia, il Commissario per la Revisione della Spesa, Carlo Cottarelli (sfiduciato da Renzi e senza fiducia di poter ottenere qualcosa) fa le valigie e se ne va in America, il terrorismo impazza ed il Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, riferisce in Parlamento (ed anche questo è un bel problema, ché ricordare che Alfano è Ministro dequalifichrebbe chiunque)… Eppure lui prosegue per la sua strada, ora riuscirà ad incassare anche la gestione unitaria del Partito (per quel che conta).

 Nulla gli resiste. Al momento. Bugs Bunny, il coniglio grigio, concludeva salutando con un ‘That’s all Folks!‘, ‘E’ tutto, ragazzi!‘. Così Renzi, come a dire ‘Se vi va bene è così, se no è comunque così‘.

Così, con altro intendimento, oggi, noi.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->