martedì, Settembre 28

Il comandamento dimenticato: ‘Non rubare’ Il 'furto' è diventato connaturato ed intrinseco al modo di agire. I comportamenti illeciti sembrano non solo tollerati, ma anche da emulare. Un ruolo determinante verso questo svuotamento dei valori è stato determinato dalla rivoluzione finanziaria che si è imposta a scapito dell'economia reale

0

In questa fase storica di implosione di un modello socioculturale si evidenziano tutte le patologie che caratterizzano sempre la fine di un periodo storico e del suo modello di sviluppo.

La storia letta nel lungo tempo mostra una concatenazione di fatti che ne determinano le caratteristiche tipiche di ogni periodo, in questo senso la storia si ripete, come aveva intuito Gianbattista Vico, non in modo meccanicistico,ma con costanti che si alternano tra periodi di tensione spirituale ed altri di spinta verso un materialismo conflittuale da basso impero.
In queste fasi finali di decadenza culturale e morale come l’attuale e definite da Vico il tempo dei barbari, i sistemi sociali si identificano per una materialismo greve, una superficialità asettica e la conseguente perdita di creatività che ne inibisce il cambiamento e porta all’implosione generata da un decadimento morale, uno svuotamento dei valori, con la caduta delle tensione verso il bene comune per realizzare il bene personale di breve tempo da perseguire ad ogni costo.

La ricerca dell’interesse personale ad ogni costo porta alla normalizzazione di comportamenti illeciti, così il settimo comandamento, ‘non rubaresembra destinato a superare tutti gli altri per importanza. Alla base del comandamento vi è il divieto del ‘furto’ inteso come l’appropriazione di beni altrui, ma nelle attività operative la sua dimenticanza diventa ormai una prassi normale, ilfurto‘, nelle sue forme palesi ed occulte, è diventato connaturato ed intrinseco al modo di agire, e siamo ormai indifferenti all’invasività di questi comportamenti che si estendono senza un vero controllo reale e sociale.
I comportamenti illeciti sembrano non solo tollerati, ma anche da emulare nella capacità di accumulazione di ricchezza che esprime l’infinita avidità dell’uomo, e contribuiscono a determinare il valore di una persona. Il crescente ed invasivo predominio di questo modello materialista viene alimentato dagli esempi di una classe dirigente fallita, da una comunicazione piatta, uniforme ed omologante, che lo espande senza limiti,allontanando le persona dalla realtà, dalla conoscenza, e orientandole sempre più verso l’ignoranza, l’aridità creativa e l’impoverimento della vita socioculturale, come vediamo ogni singolo giorno.

Un ruolo determinante verso questo svuotamento dei valori è stato determinato anche dalla rivoluzione finanziaria che si è imposta a scapito dell’economia reale per favorire un più rapido accrescimento della ricchezza personale rispetto ai tempi lunghi dell’economia reale, che però mantiene l’uomo attaccato al lavoro, alla socialità, e ne tempera gli eccessi di euforia e di depressione.
Per assecondare il più rapidamente lo sviluppo dei modelli finanziari è stato necessario avviare una liberalizzazione delle norme che regolavano i mercati e diventavano un vincolo inaccettabile alle esigenze di questa finanza e degli interessi che portava. Il liberismo sfrenato e senza regole ha fatto saltare tutte le regolamentazioni antimonopolio che davano ordine e trasparenza ai mercati, ed il salvataggio nel 2008 delle grandi corporations e della grandi banche, giustificato per evitare un rischio sistemico, è stato un colpo di spugna sulle più elementari leggi antitrust.

«La rivoluzione finanziaria ha modificato la natura stessa della ricchezza che una volta era espressa da beni reali, il ‘furto’ era chiaro in quel contesto, ma ora la ricchezza non è tanto nell’accumulazione di beni poichè il maggiore strumento della sua creazione è il debito… La ricchezza è diventata un numero, un simbolo che travalica i confini transnazionali disperso nell’opacità di in una rete di strumenti informatici’» ( Guido Rossi, ‘Non rubare‘, 2010).
La dematerializzazione della ricchezza è legata al momento in cui la carta moneta viene sganciata da un sottostante reale con la fine del gold exchange standard‘, nel 1971, e messa nelle condizione di replicarsi all’infinito.

La finanza sganciata da una limitazione finita diventa un esplosivo moltiplicatore di ricchezza illusoria, ma le tecniche e le strumentazioni finanziarie non permettono più di capire il volume dei valori trattati in un continuo cambiamento di andamenti frutto di sistematiche ed opache operazioni finanziarie. Le imprese si spersonalizzano, passando di mano in mano senza consentire di capire quale sia il loro proprietario ed il loro valore reale in un continuo gioco di scambi virtuali funzionali a generare aspettative continuamente modificabili. Tutti diventano giocatori di un casinò fantastico e vengono spinti sempre piùal moral hazard‘, alla negazione delle regole, così ilfurtodiventa un mezzo giustificabile dal fine.

La mancata regolamentazione dei mercati ha fatto venire meno la simmetria informativa, e dunque la trasparenza dei mercati stessi. «Le asimetrie informative si sono aggravate per la complicazione di una finanza metafisica ma sopratutto per la sistematica opacità. Il risparmiatore ignaro viene derubato approfittando della sua ignoranza, questa diventa la forma più grave di furto perchè i mercati non sono nè razionali nè efficienti» (Guido Rossi , op.cit.). L’opacità che copre questo gioco è la dimostrazione più palese della frode e del furto e del ruolo deviante del capitalismo finanziario deregolamentato.

La finanza portata a questo punto diventa anche una forma di espropriazione dei beni collettivi quando viene usata come arma non convenzionale nei confronti degli Stati con l’uso di strumenti valutativi staccati dal mondo reale, ma rafforzati dall’ignoranza e sudditanza di tanti e dagli interessi di pochi.

Ma pensare, come si sta facendo, di continuare a fare sempre le stesse cose e seguire sempre gli stessi modelli sperando di arrivare a risultati diversi è solo da folli, scriveva Einstein. Prendere coscienza dei problemi veri e profondi è l’unico modo di provare a riscrivere il nostro tempo per risollevarlo daltempo dei barbari‘.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Fabrizio Pezzani è professore ordinario di Economia Aziendale presso l’Università L.Bocconi di Milano e distinguished professor presso la SDA Bocconi School of Management. Ha insegnato nelle Università di Parma, di Trento e di Brescia; è membro del comitato scientifico della Fondazione 'Centesimus Annus pro Pontifice' e di svariati Editorial Board di riviste internazionali di economia; è stato fino al 24 febbraio 2013 presidente del collegio dei revisori di Milano. E’ autore di contributi importanti sia a livello nazionale che internazionale sui temi dell’economia aziendale italiana fondata sulla realizzazione del bene comune, la sua lettura è ampia ed estesa ad altre scienze sociali. L’economia, in questa visione, è e rimane una scienza sociale e non una scienza esatta come oggi viene intesa.

End Comment -->