mercoledì, Aprile 21

Il colonialismo energetico all’assalto della Barbagia field_506ffb1d3dbe2

0

1234629_719042471468521_1350563739_n 

In una terra già sfruttata energeticamente sino allo stremo ci troviamo oggi a combattere l’ennesimo atto di colonizzazione. La Sardigna che produce l’11% di energia elettrica in più di quanta ne consumi, pagandola il 40% in più della media italiana, secondo i politici regionali deve essere ancora sfruttata e asservita alle multinazionali di turno per produrre ulteriore energia. La società Gamesa Energia Italia Spa, controllata dalla società spagnola IBV, vorrebbe costruire un impianto eolico da 18 megawatt tra Nuoro e Orani, tra sugherete, nuraghi e domus de janas, minacciando di procedere a espropri se non verranno concesse in affitto le terre e avanzando con prepotenza la motivazione di “pubblica utilità” del loro progetto. “Pubblica utilità” che altro non è che il bisogno di energia elettrica dei grandi industriali a discapito della terra dei Sardi.
Continuiamo ad assistere all’incessante svendita della nostra terra e alla continua distruzione del nostro paesaggio e della nostra storia in un territorio già colpito in passato dallo sfruttamento minerario e dalla devastazione ambientale. 
Il Fronte Indipendentista Unidu, organizzazione di difesa del popolo sardo, non può restare in silenzio. 

Vogliamo e dobbiamo a tutti i costi fermare gli speculatori!

Il nostro obiettivo è quello di favorire la nascita di un’industria compatibile con le nostre risorse e con i territori, e crediamo che sia opportuno realizzare una vera democrazia energetica, fatta di piccoli produttori di energia e non di grandi multinazionali che espropriano le terre dei pastori e degli agricoltori per arricchirsi con le risorse dei Sardi! Ribadiamo con fermezza la necessità di adottare la nostra richiesta di moratoria per tutte le nuove costruzioni di impianti eolici, fotovoltaici, a biomasse e termodinamici e chiediamo che la Regione elabori una rigorosa valutazione dell’impatto socio-economico sui territori per ogni progetto presentato. 

I colonialisti non passeranno!

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->