domenica, Dicembre 5

Il cambiamento climatico influisce sul meteo? Perché non possiamo prevedere per tempo un evento meteorologico o catastrofe naturale?

0

In che modo il cambiamento climatico influisce sul tempo meteorologico o variazioni sul meteo? A spiegarlo ai microfoni della emittente televisiva Channel 4 News‘ l’esperto Liam Dutton. Il 2014 è stato l’anno record per il caldo sulla Terra, e il 2015 che sta per finire si candida a superare il primato dell’anno precedente. Tra le cause le emissioni di anidride carbonica per effetto dello sviluppo industriale incontrollato. Il riscaldamento degli oceani continua a turbare gli eventi meteorologici in tutto il mondo, spingendo a considerazioni ed analisi mai esplorate prima. Per Dutton, è stato già accertato che il riscaldamento globale altera il corso normale delle stagioni a cui eravamo abituati. Aumenta dunque la probabilità che si verifichino eventi meteorologici severi, e particolarmente dannosi dovuti alle ondate di calore. In Australia si è registrato un picco di incendi quest’anno, per non parlare del fenomeno della siccità che ha colpito diversi Paesi del Mediterraneo. La siccità, come catastrofe climatica, avrà conseguenze importanti sulla capacità di sussistenza delle stesse popolazioni, che abitano i territori che ne sono colpiti. Anche nel Regno Unito il 2014 è stato l’anno record tra gli 8 dei 10 anni più caldi dal 2002. Il 1998 è stato invece l’anno più piovoso. Spesso è difficile prevedere le conseguenze globali, che può avere una minima variazione climatica. Secondo l’esperto, è come gettare un sasso in un lago e studiare come si comportano le varie increspature eventuali formate. Così come è difficile stabilire l’epicentro di azione, ovvero da dove parte l’input, che provoca il danno. Il nostro Pianeta sarebbe già a metà strada dal raggiungere l’aumento delle temperatura di 2°C, valore soglia pericolosa che secondo le proiezioni dei massimi esperti si raggiungerà entro l’anno 2036.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘Channel 4 News‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->