venerdì, Ottobre 15

Il Brasile accoglie la fiamma olimpica

0

È arrivata in Brasile, scortata da due caccia dell’aeronautica brasiliana, la fiamma olimpica accesa il 21 aprile nelle rovine del tempio di Era. Ad accogliere la torcia olimpica a Brasilia, Dilma Rousseff, la Presidente brasiliana a carico di cui è stata aperta la procedura di impeachment molti mesi fa. La Rousseff ha promesso delle Olimpiadi ‘trionfali’: «Il Brasile sarà in grado gestire le Olimpiadi, malgrado la situazione molto difficile che stiamo affrontando. Un periodo davvero critico per la nostra storia e per la storia della democrazia in Brasile. Ma il nostro Paese saprà offrire la migliore accoglienza agli atleti e ai visitatori stranieri perché abbiamo creato tutte le condizioni possibili. Quello che conta è lottare e noi sappiamo lottare. Siamo tutti olimpici, siamo tutti il Brasile».

La torcia è stata passata simbolicamente da Dilma alla campionessa olimpica di pallavolo Fabiana Claudino, prima tedofora. È stata poi portata alla cattedrale di Brasilia da 10 tedofori. Adesso, dalla capitale brasiliana comincia un lungo tour di 90 giorni, durante il quale la fiamma attraverserà 300 città trasportata da dodicimila tedofori per concludere il suo viaggio allo stadio Maracanà, a Rio de Janeiro.

I Giochi olimpici si terranno dal 5 al 21 agosto in Brasile. Visto che non si conosce ancora l’esito della procedura di impeachment a carico di Rousseff, una sospensione eventuale del suo incarico potrebbe privarla dell’onore di inaugurare i Giochi olimpici.

(Video tratto dal canale Youtube: AFP news agency)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->