martedì, ottobre 23

Il 21 per cento delle piante nel mondo è a rischio estinzione field_506ffbaa4a8d4

0

Secondo le analisi globali effettuate sulla vita vegetale -pubblicate sul rapporto dello ‘State of the World’s Plants’un tipo di pianta su cinque, ovvero il 21 per cento nel mondo, è a rischio estinzione. Questo report è stato scritto da 80 esperti del Royal Botanic Gardens (RBG) di Kew, a Londra, ha richiesto oltre un anno di tempo per redigerlo e registra in totale l’esistenza di 391 mila tipi di piante note ad oggi alla scienza, dalle piccole orchidee agli alberi giganti di sequoia. Il rapporto dello ‘State of the World’s Plants’ fornisce una valutazione di base delle attuali conoscenze sulla biodiversità delle piante sulla Terra, sulle minacce globali che devono affrontare le piante e sulle politiche in atto e sulla loro efficacia nel gestire le minacce.

Da qui, è stato concluso che delle 391 mila specie di piante censite a livello globale, il 21% potrebbe scomparire per sempre a causa della deforestazione e di altre pratiche umane come l’agricoltura intensiva. Infatti, la peggiore minaccia per l’estinzione è rappresentata dall’agricoltura (31%); a seguire troviamo la lavorazione boschiva e la raccolta delle piante (21,3%) e per ultimo, il cambiamento climatico (3,96 %).

Questo report è  stato lanciato in concomitanza con un nuovo sito web e un simposio scientifico internazionale e fisserà uno standard importante grazie al quale potremo ogni anno tenere traccia delle tendenze dello stato delle piante di tutto il mondo.

 

 

 

(video tratto dal canale YouTube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore