domenica, Settembre 19

Il 2017 della Scienza: ecco le scoperte più importanti Dalla collisione tra due stelle di neutroni alle nuove tecniche in fatto di DNA e RNA

0

Ogni scoperta scientifica è un passo avanti nella comprensione dell’Universo. E allora ecco arrivare un bilancio della scienza in questo 2017 che si va a chiudere. E possiamo dire che è stato un anno particolarmente ricco di risultati importanti.

Il 2017 innanzitutto sarà ricordato come l’anno della svolta nelle osservazioni celesti. Il 17 agosto gli astrofisici di tutto il mondo hanno assistito in diretta alla collisione tra due stelle di neutroni, un evento preannunciato dalle onde gravitazionali e poi rilevato in ogni forma possibile: sotto forma di lampi gamma, nella luce visibile, all’infrarosso e negli ultravioletti, ai raggi X e attraverso onde radio.

Poi come non parlare delle scoperte nel 2017 in fatto di DNA e RNA. La tecnica CRISPR/Cas9 è passata alla sperimentazione sull’uomo, in approcci inediti per prevenire o trattare tumori o lenire i sintomi di rare malattie genetiche. Son ostate scoperte nuove tecniche che consentono di intervenire in modo ancora più mirato su DNA e RNA, senza tagliare la doppia elica, ma ridisponendo gli atomi delle basi azotate che li compongono.

Il 2017 ha visto anche mettere in discussione i tempi e le modalità di uscita dall’Africa dei nostri antenati sapiens, che potrebbero aver iniziato ad uscire dal luogo natìo 60 mila anni prima del previsto. Un nuovo fossile umano di 300 mila anni fa è stato infatti rinvenuto in Marocco e toglierebbe all’Africa orientale il primato di unico luogo di nascita della nostra specie.

Le scoperte importanti in questo 2017 hanno anche ‘colpito’ lo spazio. A febbraio, a 40 anni luce dalla Terra, sono stati individuati 7 piccoli esopianeti rocciosi attorno alla stella Trappist-1, una nana rossa ultrafredda. Se su alcuni di essi potrebbero esserci le condizioni adatte alla vita, le radiazioni del loro sole rischiano però di renderla impossibile. Kepler ha poi scoperto anche il primo sistema planetario gemello di quello solare, con ben 8 esopianeti.

Per vedere le altre scoperte di questo 2017, vediamo insieme questo video di Science Magazine.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->