martedì, Settembre 21

Il 2015 l'anno più caldo della storia 10 mesi su 12 che hanno fatto segnare record negativi

0

Mancava solo la certificazione, ma ora è arrivata: il 2015 è stato l’anno più caldo di sempre. Precisamente dal 1880, cioè da quando si ha disponibilità di dati certi sulle temperature globali. Un record amaro, visto che era stato il 2014, ossia quello precedente, quello che in precedenza aveva fatto segnare il record, segno che il clima è ormai impazzito. A certificare questo risultato la Nasa e l’Agenzia federale Usa per la meteorologia (Noaa). La temperatura media globale sulla terraferma e sulla superficie oceanica è stata di 0,9 gradi centigradi superiore alla media del XX secolo e supera il record del 2014 di 0,16 gradi. La temperatura sulla superficie terrestre è stata più alta di 1,33 gradi rispetto alla media, mentre quella della superficie marina ha registrato +0,74 gradi sopra la media. In generale sono stati 10 mesi su 12 quelli che nel 2015 hanno fatto segnare un primato: gli unici due rimasti fuori da ogni primato sono gennaio ed aprile.

Tra le aree più calde l’America Centrale, la parte settentrionale del Sud America, l’Europa settentrionale, meridionale e orientale fino all’Asia occidentale, la Siberia centrorientale, il Pacifico nordorientale ed equatoriale, l’Oceano Indiano e zone dell’Oceano Artico. A lanciare l’allarme l’amministratore della Nasa Charles Bolden«Il cambiamento climatico è la sfida della nostra generazione. L’annuncio di oggi è un dato chiave che dovrebbe far alzare in piedi i decisori politici e farli prendere atto che ora è il momento di agire».

(video tratto dal Canale Youtube del Los Angeles Times e prodotto dalla Nasa)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->