sabato, Settembre 25

Idrogeno e futuro alle Olimpiadi 2020 image

0

1322676399439_tokyo

Bangkok – La Commissione Organizzatrice delle Olimpiadi di Tokio 2020 e dei Giochi Paraolimpici ha intenzione di includere l’utilizzo di energia derivata da idrogeno nel piano base dei Giochi.

Secondo le fonti, approfittando della occasione rappresentata da una così notevole rilevanza planetaria, per concorrere alla creazione di una società orientata all’energia da idrogeno, la Commissione intende agire non solo per diffondere l’uso dell’idrogeno come fonte pulita per una prossima generazione ma anche per promuovere la tecnologia ambientale del Giappone in tutto il Mondo.

Un certo numero di veicoli a celle combustibili ad idrogeno saranno presentati al pubblico ed utilizzati per collegare il Villaggio Olimpico ed ogni singola struttura sportiva destinata agli atleti. Inoltre, l’amministrazione governativa dell’area metropolitana di Tokyo sta meditando di applicare la tecnologia a celle di combustibile ad idrogeno in toto per gli autobus e per l’intero sistema di trasporto pubblico con i bus così come anche altri sistemi di trasporto pubblico rapido per collegare l’area intorno alla Stazione Bus di Tokyo e l’area acquatica che corre lungo tutta la Baia di Tokyo. In realtà, il governo metropolitano sta anche pianificando di estendere il pieno utilizzo di celle d’idrogeno come fonte di energia per l’intero Villaggio Olimpico.

Tutti i Paesi ospitanti nelle ultime edizioni dei Giochi Olimpici hanno sottolineato l’importanza della protezione ambientale come concetto chiave sia nella fase preparatoria sia nella fase attuativa di eventi similari. Ad esempio, la Toyota Motor Corp. pianifica di essere la prima al mondo a vendere veicoli commerciali con pannelli entro l’anno fiscale corrente. E pare che vi siano anche altri progetti avveniristici in arrivo in questo settore specifico.

Il piano base completo sarà messo a punto dal Comitato Organizzatore entro il mese di Febbraio del prossimo anno e successivamente sarà sottoposto come frutto di un lavoro preparatorio realizzato da una fondazione nelle mani della Commissione Olimpica Internazionale.

Il Governo centrale, poi, lancerà anche lo sviluppo di imbarcazioni a pieno utilizzo di celle d’idrogeno. La tecnologia dei veicoli a celle d’idrogeno Toyota e di altri marchi costruttori di automobili verte non solo sulla vendita dei propri mezzi ma anche sul pieno utilizzo esteso ad altri mezzi di spostamento come le imbarcazioni.

Il Governo punta all’utilizzo delle imbarcazioni a celle d’idrogeno a partire dai Giochi Olimpici del  2020 e di utilizzare tali mezzi acquatici come bus marittimi per gli spettatori e per i tradizionali yakatabune  giapponesi per offrire un ulteriore mezzo divertente per i turisti che si sposteranno via bus.

Al di là della attuazione del progetto applicativo finalizzato all’utilizzo di imbarcazioni a celle d’idrogeno entro l’anno fiscale corrente, il Governo ha in mente la realizzazione di un modello dimostrativo disponibile per esperimenti negli anni tra il 2016 ed il 2017. Usando un modello di training e sperimentazione con sistema a pieno utilizzo di celle d’idrogeno per la messa a punto di un motore apposito, una sperimentazione sarà effettuata proprio per generare elettricità attraverso la reazione di idrogeno ed ossigeno

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->