giovedì, Maggio 13

I Verdi e le europee Dopo il ricorso in Cassazione, la lista italiana, inizialmente esclusa, è stata riammessa

0

greens-efa

 

I Verdi europei si dividono in Greens/EFA/Indipendenti e attualmente ricoprono il ruolo di quarto gruppo presso l’Europarlamento. L’European Green Party (EGP), si presenta in questo modo ai propri elettori e ai cittadini europei: «Il Partito Verde Europeo è un partito politico transnazionale che ha come suoi membri partiti verdi dei paesi europei ( anche se non necessariamente da stati membri dell’Unione Europea). Gli organi più importanti del EGP sono il Consiglio e il Comitato. Il Consiglio è composto da 120 rappresentanti dei partiti membri . Questi sono assegnati sulla base dei loro più recenti risultati delle elezioni europee o nazionali. Ciascuna parte ha almeno due delegati. È responsabile per gli affari politici tra congressi e decide su questioni organizzative, come ad esempio l’elezione del comitato, l’applicazione di soci e associati e candidati del Partito Verde Europeo. Il Comitato è composto da nove membri eletti dai partiti membri, tra cui due co-presidenti (un uomo e una donna) e un segretario generale. Essi sono responsabili per le questioni politiche quotidiane, l’esecuzione delle decisioni del Consiglio e le attività del segretariato».

Franziska (Ska) Keller e José Bové sono stati scelti per guidare i Verdi nella loro prossima campagna delle europee. I due sono i vincitori delle primarie on line avvenute a fine gennaio, il primo a livello europeo procedura di acquisto online aperto a selezionare i candidati principali per le elezioni europee .

José Bové alla sua elezione ha affermato: «guiderò questa campagna per difendere un’Europa che protegge le donne e gli uomini dalla globalizzazione che sta distruggendo posti di lavoro e l’ambiente. Mi impegno a un’Europa che condivide i valori spesso minacciati della democrazia , della solidarietà e dei diritti umani. Un’Europa che può girare le spalle alle crisi economiche sociali ed ecologici, spingendo per il Green New Deal , con un bilancio adeguato. Più che mai , per me l’Europa nel 2014 rappresenta un sogno sovversivo e pragmatico per lasciare il nazionalismo e l’egoismo» . 

Ska Keller ha aggiunto: «sarà nostro compito come migliori candidati per portare una dimensione europea alle campagne verdi nazionali. Spero e sono sicuro che possiamo mantenere l’entusiasmo e la motivazione che ho sperimentato durante la Primaria Verde in corso. Nella nostra campagna, noi Verdi sarà chiaro su ciò che le nostre alternative verdi sono per l’Europa: un modo equo e verde per uscire dalla crisi, mettendo la disoccupazione giovanile in cima all’ordine del giorno, tutela dei diritti dei rifugiati e dei migranti, commercio equo e solidale non è libero commercio, obiettivi climatici più ambiziosi e più democrazia».

 Oltre a Ska Keller e José Bové , hanno partecipato le europarlamentari Monica Frassoni e Rebecca Harms , viaggiando in tutta Europa. Hanno votato 22.676 persone: Ska Keller ha ricevuto 11.791 voti e José Bové ha ricevuto 11.726 voti. I Verdi europei sono l’unica famiglia politica che hanno scelto di aprire il processo attraverso le primarie on-line.

I Verdi non hanno rappresentati presso la Commissione europea e le loro politiche si sono scontrate spesso con i tre partiti maggiori. Sebbene l’Unione europea si avvii verso una visione più ambientalista della gestione delle politiche, questa, secondo il gruppo al parlamento, non basta, perché va estesa anche ai rapporti politici.

 Il loro programma si muove su diverse direttive. La prima è la promozione dell’economia verde e della giustizia sociale. Il partito concentra la sua attenzione su «coloro che hanno perso il lavoro durante la crisi, sui dipendenti e piccoli imprenditori innovativi con modelli di business basati sulla sostenibilità, è al fianco dei consumatori quando si spinge per una efficace regolamentazione delle banche, per migliorare la trasparenza dei mercati. Rafforzare la dimensione sociale dell’UE, al fine di garantire la giustizia sociale e la parità di retribuzione per mantenere la legislazione libero mercato lontano dai servizi pubblici e, soprattutto, i servizi e l’assistenza sanitaria sociale. Una trasformazione economica e sociale globale che consente nostre società di offrire prosperità e benessere, entro i limiti fisici del nostro pianeta» .

Il secondo punto riguarda il futuro del clima e l’energia. I Verdi / ALE sostengono che  l’Europa debba  passare a fonti sostenibili di energia e  ridurre il consumo totale di risorse, abbandonando il nucleare e lo shale gas. Transizione energetica che creerebbe nuovi posti di lavoro. I Verdi sono preoccupati  «a preservare la natura, proteggere la biodiversità e promuovere il benessere degli animali. Le proposte politiche sulla riforma della politica europea della pesca e della politica agricola comune sono state modellate su una produzione alimentare sostenibile mettendo in collegamento i consumatori con gli agricoltori e pescatori. Tutti dovrebbero avere la possibilità di scegliere alimenti sani». Va da sé che la loro campagna contro gli OGM continuerà anche nella prossima legislatura.

Un altro cardine del programma per le prossime elezioni è una gestione alternativa della politica estera e commerciale. I Verdi rivendicano un ruolo molto importante perché, nelle loro parole, «mentre il Parlamento europeo ha la reputazione di essere lontana dai cittadini e satura di lobbisti» , il gruppo politico afferma di aver migliorato il funzionamento dell’iniziativa dei cittadini europei sostenendo varie petizioni portando i cittadini e la politica dell’UE insieme .

I più importanti valori europei sono i diritti umani. Anche i Verdi hanno firmato per rigettare il Trattato ACTA, perché questo minacciava la protezione dei dati dei cittadini europei. Per quanto riguarda la politica di sicurezza, secondo il partito ambientalista, «l’UE dovrebbe svolgere un ruolo più attivo al suo domicilio e nel mondo, nel promuovere la pace e prevenire la necessità di un intervento militare. Essa deve rendere il rispetto dei diritti umani il suo principio guida».

Nei negoziati commerciali il gruppo ha difeso i beni pubblici, i diritti umani e la sostenibilità ambientale chiedendo l’approvazione di un sistema comune di asilo per superare l’attuale incapacità delle politiche migratorie di essere applicate nel modo corretto.

L’ultimo punto del programma è dedicato allo scambio culturale. Secondo i Verdi «l’emancipazione delle culture si è dimostrato efficace nel contribuire alla pace e ampliare gli orizzonti degli europei . La politica dei Verdi / ALE è quello di mantenere ed estendere lo scambio nel campo della cultura e dell’istruzione . I progressi nella tecnologia digitale ha facilitato la diffusione , l’accesso e l’utilizzo di produzioni culturali negli ultimi anni . Ostacolare questa tendenza porrebbe ostacoli inutili alla creatività e all’innovazione».

 Sono critici ma non euro scettici e secondo gli ultimi sondaggi del 16 aprile di PollWatch2014.eu si stima che I Verdi otterranno 38 seggi rispetto agli attuali 58.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->