mercoledì, Ottobre 20

I sopravvissuti in Kurdistan raccontano 40

0

isis_kurdistan

Erbil – “Appena arrivati quegli assassini dell’Isis ci hanno costretto a diventare musulmani ma noi abbiamo rifiutato. Ci hanno radunato, dandoci un ultimatum. Hanno preso i nostri soldi, i cellulari e igioielli; poi hanno raggruppato tutti i maschi, portandoli fuori dal paese e sgozzandoli come fossero animali da macello”. Questo è il racconto di uno dei tre sopravvissuti al massacro perpetrato dai terroristi dello Stato islamico (IS) nel villaggio di Kochu, nella regione di Sinjar.

Ilyas Salih Qassim (dottore del villaggio):“Venerdì 15 agosto alle ore 11, gli jihadisti avevano circondato il  nostro villaggio di 250 famiglie e  ne avevano raccolto tutti gli abitanti nella scuola. C’erano oltre 500 persone nell’edificio. Hanno cominciato a portare via 15 persone alla volta, a un chilometro a sud del villaggio, prima di passare all’esecuzione sommaria. Esattamente quello che avevano fatto alcuni giorni prima nel villaggio  di Hatimia, vicino a Sinjar”.

Se non fossero arrivati i combattenti curdi del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e i combattenti del Comitato di protezione del popolo curdo (YPG), i terroristi avrebbero distrutto molti altri villaggi. Infatti, per la prima volta nella triste storia del popolo curdo, i partiti curdi iracheni, siriani, iraniani e turchi si sono uniti per combattere il nemico comune mettendo da parte ogni divergenza politica e ideologica.

Questa volta la parola del Papa è stata fondamentale  per richiamare l’attenzione non soltanto della Chiesa cattolica, ma di tutta la cristianità e dell’umanità intera. Papa Francesco nella prima domenica della tragedia curda ha fatto appello  agli organismi supremi, dal punto di vista organizzativo, sociale, culturale e politico, come il Consiglio di Sicurezza dell’Onu e i Paesi dell’Unione Europea. Infatti, in questi giorni  assistiamo al via vai dei Ministri degli Esteri di Paesi come Francia, Germani, Svezia e Norvegia, fatto che di per sé è un riconoscimento alla regione curda. I curdi non avrebbero mai pensato a questa massiccia mobilitazione internazionale per aiutarli, sia dal punto di vista umanitario che da quello militare, con eventuali rifornimenti di armi e munizioni ai Peshmerga per affrontare laminaccia degli Jihadisti dello Stato Islamico (Isis). 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->