martedì, Settembre 28

Droni: dalla fantasia alla realtà

0
1 2


Il mercato dei droni in Italia e in Europa è in continua espansione. Il giro d’affari non è indifferente, i dati, per quanto non certificati, stimano un giro d’affari di circa 350 milioni di euro, 700 mila euro il valore medio del business per azienda, 7 il numero medio di addetti per impresa.  In questo spazio ancora in definizione, ha recentemente debuttato Dronersclub.com, piattaforma dedicata al mondo dei droni, punto di riferimento in Europa per i piloti professionisti e tutti gli appassionati di velivoli a pilotaggio remoto, si legge nella presentazione del progetto.
A creare questa piattaforma è stato un giovane e brillante startupper, Simone Russo, già premiato dalla rivista ‘Wired‘ con il Wired Audi Innovation Award, che individua gli imprenditori under 35 più promettenti d’Italia, per la sua prima start-up ImmoDrone, specializzata in riprese con Droni, che è attualmente una realtà consolidata del marketing immobiliare.

In tutto il mondo si registra un vero e proprio boom nel mercato dei droni, tecnologia nata in ambito militare che trova oggi applicazione in moltissimi settori, dalla televisione al cinema, dall’agricoltura al controllo di grandi infrastrutture, dal monitoraggio dell’ambiente alla sicurezza. Le statistiche si moltiplicano, negli Stati Uniti per le feste di fine 2015 sarebbero stati venduti un milione di droni e anche in Europa si parla di vero e proprio fenomeno. Dai negozi specializzati fino alla grande distribuzione, le offerte non mancano. E la diffusione dei veicoli a pilotaggio remoto avvicina anche moltissimi appassionati che vorrebbero trasformare in lavoro la propria passione.

Dronersclub.com nasce per far incontrare la domanda e l’offerta, il business e i privati, chi deve vendere o prenotare un servizio con i droni, in completa trasparenza, qualunque sia il budget a disposizione, spazio dove è possibile scambiare informazioni, acquistare droni e accessori professionali, rimanere informati sulle novità e sulla legislazione che regola i velivoli a pilotaggio remoto e disciplina il loro utilizzo, e ancora sottoscrivere assicurazioni a prezzi vantaggiosi, ottenere dettagli sui corsi per conseguire la licenza di volo dall’Enac.

Il drone, per definizione è un velivolo radiocomandato con pilota remoto,  sono molto utilizzati per le riprese video aeree e per iniziative virali, come ad esempio Amazon Prime Air (ovvero il drone di Amazon che consegna i pacchi volando), trovano larga applicazione in molte delle attività civili, dal controllo del territorio al monitoraggio dei criminali, dall’analisi dei terreni alla ricerca di dispersi dopo una calamità naturale.

Simone Russo ci parla del progetto e delle prospettive del settore.

Simone perché hai deciso di creare questa piattaforma?

Ho voluto fortemente creare qualcosa di innovativo. I droni sembrano essere qualcosa di misterioso, lontano, ecco oggi i droni ci appaiono come internet appariva all’uomo degli anni novanta. Eppure oggi tutti usiamo la tecnologia, non potremmo vivere senza internet e i social, ci colleghiamo e persino dal cellulare. Cose impensabili anni addietro e per i droni vale la stessa cosa. Questa piattaforma è un modo per creare lavoro e occupazioni per i giovani italiani. Il mercato dei droni è ancora agli albori e noi vogliamo farci trovare pronti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->