venerdì, Maggio 20

I casinò online stanno guadagnando un pubblico crescente in Italia: ragioni e previsioni Il gioco online in qualsiasi forma continua ad espandersi in Italia, anche a causa del maggior utilizzo di mezzi digitali durante la vita di tutti i giorni. Nonostante le leggi restrittive del governo, e le tasse, è ancora un settore in espansione

0

L’Italia sta facendo passi da gigante nell’espandere il mercato del gioco d’azzardo online. I nuovi siti, che offrono sempre bonus vantaggiosi e con delle interfacce attraenti, stanno riscuotendo un grosso successo.

A partire da febbraio 2022, una sola piattaforma era la società leader per le scommesse sportive online in Italia, rappresentando quasi il 16% del totale dei ricavi lordi di gioco (GGR) in quel mercato. Seguono altre due società, che detengono una quota di mercato rispettivamente di circa il 13,8 per cento e il 13,4 per cento.

Ecco tutti i dati su i casino online italiani ed il gioco d’azzardo.

Scommesse dallo Stivale: le città italiane con il maggior flusso di cassa

Nel 2021, Napoli ha registrato il più alto reddito lordo di gioco (GGR) delle scommesse sportive virtuali in Italia. Il GGR delle scommesse sportive virtuali in questa città è stato di 30,2 milioni di euro. Sono oltre 19 milioni di euro in più della Roma, seconda.

Milano ha seguito nella lista. Inoltre, Napoli, Roma e Milano guidano anche la classifica delle città italiane con il più alto GGR delle scommesse sportive piazzate nelle agenzie di scommesse tra gennaio e novembre 2021.

Scommesse sul calcio abbinate ai casino

In Italia, il calcio è molto seguito. Molti casino online offrono la possibilità di fare scommesse sportive. E questo è uno dei motivi per cui questo mercato continua a crescere.

Le scommesse sul calcio sono un segmento importante delle scommesse sportive in Italia. Nel 2020 la Serie A è stato il campionato che ha generato gli incassi più significativi in ​​questo senso. Complessivamente, la cifra scommessa per le scommesse sul calcio di Serie A ha raggiunto nel 2020 circa 1,6 miliardi di euro.

Ma mentre gli italiani continuano ad aggiungersi alle fila di quelli che amano scommettere, il governo invece sta cercando di tirare il freno.

Intervento del governo nel gioco d’azzardo e nel mondo delle scommesse online

Rafforzando il controllo del mercato italiano del gioco d’azzardo online, il governo di coalizione  cerca di ridurre il numero di operatori storici che partecipano al mercato entro il 2023.

In allegato al primo decreto legge di bilancio il governo di coalizione cerca di ridurre il numero totale di licenze di gioco online italiane a 50, dalle attuali 85 concessioni.

La proposta di revisione è stata comunicata dall’Agenzia italiana delle dogane e dei monopoli ADM, il dipartimento governativo che mantiene il controllo normativo sull’industria del gioco d’azzardo.

L’ADM è stato incaricato di guidare un nuovo quadro di licenza 2023 per gli operatori storici del gioco d’azzardo online, a cui verranno addebitati 2 milioni di euro per l’acquisizione o il rinnovo delle loro concessioni digitali.

Un nuovo quadro di licenze online fa parte della ‘riforma radicale’ pianificata dal governo di coalizione del mercato italiano del gioco d’azzardo, in cui le concessioni al dettaglio saranno limitate a 250.000 slot machine, 58.000 terminali di videolotterie, 35.000 bar e tabacchi e 2800 sale da gioco.

Nel suo aggiornamento, l’ADM specifica che le licenze di gioco d’azzardo online 2023 saranno concesse a gare d’appalto limitate per un periodo di nove anni.

I cambiamenti desiderati seguono la conferma del governo di coalizione che le tasse del settore sarebbero aumentate sulle macchine VLT e AWP, poiché la legge di bilancio cerca di spremere ulteriori 600 milioni di euro di tasse dal settore del gioco d’azzardo italiano.

Oltre all’aumento delle tasse, la nuova legislazione italiana applicherà un nuovo registro obbligatorio controllato dall’ADM, che monitorerà tutte le transazioni relative al gioco d’azzardo e gli scambi finanziari, mentre il governo cerca di rafforzare i controlli antiriciclaggio dell’ADM.

I nuovi poteri dell’ADM consentiranno all’ufficio doganale di vietare alle banche nazionali di elaborare pagamenti per le società di gioco d’azzardo senza una licenza italiana, con l’agenzia autorizzata a sanzionare multe da € 300.000 a € 1,3 milioni per gli istituti bancari che non rispettano.

La storia del gioco d’azzardo in Italia

La liberalizzazione del mercato italiano del gioco d’azzardo online è iniziata gradualmente nel 2006, quando, a seguito delle denunce ricevute nel 2003, la Commissione Europea ha indagato sul caso e avviato una procedura d’infrazione contro l’Italia.

A seguito di quest’azione, il governo italiano ha rilasciato delle licenze e ha permesso il gioco d’azzardo.

L’AAMS (Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato) è l’Autorità italiana per il gioco che rilascia le licenze. Le licenze riguardano:

giochi di abilità
tornei e solitari di poker
giochi di poker in contanti
giochi da casinò
scommesse sportive, ippiche e altri eventi a quota fissa e totalizzatore
piscine di cavalli
Bingo
Conclusione

I casino online ed il gioco online in qualsiasi forma continua ad espandersi in Italia, anche a causa del maggior utilizzo di mezzi digitali durante la vita di tutti i giorni. Nonostante le leggi restrittive del governo, e le tasse, è ancora un settore in espansione.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->