martedì, Maggio 18

Hong Kong-Zhuhai: un ponte da record in Cina Un prodigio dell'ingegneria che promette di tagliare i tempi da 3 ore a 30 minuti

0

55 chilometri che collegano Hong Kong con Macao via Zhuhai, con tanto di isola e annesso tunnel sottomarino. Parliamo del più lungo tra i ponti marini al mondo e si trova in Cina. Un prodigio dell’ingegneria che promette di tagliare i tempi tra Hong Kong e Zhuhai da 3 ore a 30 minuti.

Il ponte è costato oltre 100 miliardi di yuan, quasi 13 miliardi di euro. E la costruzione non è stata semplice: ben 33 segmenti, lunghi 180 metri l’uno e ognuno dei quali pesante, 80 mila tonnellate, che sono stati prefabbricati a terra, per poi essere rimorchiati nella loro posizione finale, sommersi e collocati su una trincea pre-dragata.

Il ponte è iniziato a sorgere nel 2009, non senza ritardi e polemiche: per i 7 infortuni mortali occorsi agli addetti alla costruzione, ma anche per il non celato timore che la nascente infrastruttura equivalesse al definitivo addio delle residue autonomie rispetto a Pechino.

Diversi i ritardi sul versante di Hong Kong, tanto che l’inaugurazione, prevista per a novembre 2017, è slittata al 1° maggio 2018 e poi al 1° luglio, il che coinciderebbe con il 21° anniversario del ritorno della città sotto la bandiera cinese.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->