giovedì, Aprile 22

Hong Kong, comincia la Fishball Revolution Scontri tra polizia e venditori di strada. Su Twitter è stato subito creato l’hashtag

0

Notte di scontri a Hong Kong tra polizia e venditori di strada del quartiere popolare di Mong Kok durante una operazione delle forze dell’ordine per liberare le vie da questi banchetti, soprattutto quelli che offrono cibo. 23 gli arresti e una cinquantina i feriti, tra i quali quattro giornalisti e fotoreporter che dicono di essere stati colpiti a manganellate dagli agenti. «Elementi radicali sono arrivati con armi improprie e scudi per provocare incidenti, la situazione è sfuggita al controllo e abbiamo dovuto sparare due colpi d’avvertimento», ha detto il vicecapo del distretto di polizia di Mong Kok.

Su Twitter è stato subito creato l’hashtag #FishballRevolution, che ricorda molto quello legato alle proteste del 2014, #UmbrellaRevolution. Perché fishball? Perché proprio le polpette di pesce sono le pietanze maggiormente vendute dai banchetti, senza licenza commerciale, che la polizia vuole mandare via dalle strade. Per gli attivisti di Hong Kong Indigenous, invece l’obiettivo è un altro: cancellare la cultura locale, normalizzando Hong Kong e trasformandola in una «città completamente cinese».

(video tratto dal canale Youtube di RT)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->