domenica, Dicembre 5

Honduras, microeconomie degli artigiani Lenca field_506ffb1d3dbe2

0

Il video tratto da ‘telesur TV’ mostra i lavori di artigianato condotti dalle famiglie degli indigeni Lenca dell’Honduras. Costituiscono dei veri e propri esempi virtuosi di microeconomia, in cui si coadiuvano aspetti di gestione del lavoro a livello familiare ed elementi di preservazione degli usi e dei costumi del Paese. Principalmente i lavori degli artigiani riguardano il vasellame e i suppellettili. Più forte di quanto sembra è la motivazione che spinge i Lenca a costruire tali prodotti, poiché è molto pronunciata l’idea di resistere allo sviluppo economico tecnologico delle grandi catene e continuare con una produzione sostanzialmente manuale. Organizzati in piccole imprese comunitarie, gli artigiani mirano a una piccola fetta del mercato, mantenendo i costi bassi e rientrando nelle spese di produzione. In Honduras, nella comunità Lenca, le donne non producono esclusivamente prodotti artigianali, ma sono solite dedicarsi anche alla lavorazione tessile e l’agricoltura, per generare più ingressi economici possibili al gruppo familiare.

I Lenca (circa 250.000 persone) rappresentano il gruppo indigeno più numeroso in Honduras. Nonostante lo scenario presentato dal video sia abbastanza idilliaco, non sono da dimenticare le condizioni di povertà e oppressione culturale e politica in cui versa tale popolazione. Il Governo infatti non ha mai riconosciuto ufficialmente la lingua o la religione delle popolazioni indigene e, in questi giorni, l’omicidio dell’attivista Lesbia Urquía ha tornato a far parlare dei diritti dei Lenca: in particolare, Urquía coordinava la resistenza indigena e contadina contro la costruzione dell’impresa idroelettrica “Aurora 1” nei pressi di La Paz, progetto in cui sono coinvolti direttamente esponenti di spicco del Governo nazionale. La donna ha speso la propria vita nelle lotte per emancipare le comunità indigene e difendere la terra in qualità di bene comune, soprattutto alla luce dei tentativi politici recenti di privatizzazione delle risorse idriche del Paese.

(video tratto dal canale Youtube di ‘telesur TV’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->