giovedì, Giugno 17

Honduras, aumentano i casi di migrazione minorile

0

La situazione dell’emigrazione minorile dall’Honduras è preoccupante. Nel primo trimestre dell’anno le cifre evidenziano un aumento dei minori che escono dal Paese e le crescenti violenza e mancanza di sicurezza. I bambini si organizzano in gruppo per attraversare le frontiere ed emigrare verso i Paesi vicini, soprattutto in Messico. Secondo un rapporto della Segreteria dell’Educazione in Honduras, un bambino su tre non tiene il proprio padre nel Paese, il che, in molti casi, costringe i piccoli stessi a compiere viaggi per oltrepassare i confini statali. In Honduras vi sono infatti circa 1 milione di famiglie “transnazionali”, denominatore comune del fenomeno in questione. Si stima che 5.000 bambini siano ospitati nei centri di rifugio deputati alla causa. Il Ministro dell’Istruzione si è detto notevolmente preoccupato per le cifre del rapporto e punta sulle politiche di protezione e ritorno dei minori. La risposta è, dunque, l’educazione, ma si stima che soltanto il 30 per cento dei bambini che ritornano viene incluso nuovamente nei programmi scolastici e lo Stato risulta ancora manchevole in questo reinserimento sociale.

La questione è stata risollevata a seguito del fatto di cronaca avvenuto pochi giorni fa, quando due bambini honduregni, di 11 e 7 anni, diretti verso gli Stati Uniti, sono deceduti nel tentativo di attraversare le acque tra Guatemala e Honduras per ricongiungersi ai propri genitori su una barca di fortuna.

(video tratto dal canale Youtube di ‘telesur Tv’)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->