venerdì, Maggio 7

Hollywood: dopo Weinstein e Spacey, anche Dustin Hoffman accusato di molestie sessuali Lo scandalo si allarga ad un altro big del cinema americano

0

Dopo Weinstein e Spacey, anche Dustin Hoffaman viene colpito dallo scandalo delle molestie sessuali. Ad accusarlo per prima la scrittrice Anna Graham Hunter la quale sostiene che, appena 17enne, avrebbe ricevuto avances da parte dell’ attore. In una colonna per The Hollywood Reporter, Hunter sono apparsi gli estratti delle lettere che ha scritto a sua sorella nel periodo in cui lavorava come assistente alla produzione nel film televisivo del 1985 «Morte di un commesso viaggiatore» di Arthur Miller.Nelle lettere Hunter descrive il suo primo incontro con l’attore e i successivi tentativi di “abuso” da parte di Hoffman.

In risposta, Hoffman ha dichiarato: “Ho il massimo rispetto per le donne e mi sento terribile che tutto quello che avrei potuto fare avrebbe potuto metterla in una situazione scomoda. Mi dispiace. Non riflette chi sono.

Ma una seconda donna si è aggiunta nell’ accusa a Dustin Hoffman: la sceneggiatrice e produttrice tv, Riss Gatsiounis. Quest’ ultima si riferirebbe a fatti accaduti nel 1991 quando lei era una giovane autrice di teatro, durante l’ adattamento cinematografico di «A darker purpose».  L’attore, attraverso un portavoce, ha detto di non ricordare l’incontro con Riss Gatsiounis, né le azioni o i comportamenti da lei descritti.

(Video tratto dal canale Youtube euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->