martedì, Settembre 28

Hijarbie: la Barbie con il velo field_506ffb1d3dbe2

0

Dopo le nuove Barbie della Mattel rese più ‘formose’, è arrivata la Barbie col velo. L’idea è stata non però della catena di giocattoli, ma di Haneefa Adam, una studentessa di medicina proveniente dalla Nigeria, che ha preso spunto dai cambiamenti fatti dall’azienda Mattel e ha deciso di creare una nuova collezione per le bambole tanto amate, adatte anche alle bambine musulmane.

Volevo che ci fosse una Barbie con la quale potessero relazionarsi le ragazze musulmane“, ha spiegato la ragazza alla ‘Cnn’ in un’intervista, “e siccome non ne ho mai vista una indossare l’hijab, ho deciso di aprire un profilo Instagram e vestire le bambole con abiti creati da me”. La nuova bambola Hijarbie, indossa nelle foto vestiti colorati e rispettosi della religione islamica, con maniche e gonne lunghe, ma soprattutto indossa l’hijab, il tradizionale velo islamico che copre i capelli e il collo della donna che lo indossa.

L’account di Haneefa ha raggiunto rapidamente i 19 mila follower sul suo profilo Instagram, ma non tutti amano le sue nuove creazioni. Secondo molti utenti, le donne che indossano l’hijab sono persone sottomesse, vittime di una mentalità repressa che non andrebbe incentivata. C’è chi, poi, accusa la studentessa di utilizzare solo bambole dalla carnagione chiara e con occhi blu, mentre la quasi totalità delle donne musulmane ha una pelle più scura.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->