sabato, Maggio 15

Harry Potter è tornato

0

Il maghetto più famoso e amato del mondo torna a far parlare di sé. Dopo il successo della saga nei romanzi di J.K. Rowling (450 milioni di copie vendute), per non parlare degli incassi dei film al cinema, stavolta Harry Potter si cimenta con il mondo del teatro.‘Harry Potter and The Cursed Child’ è il titolo dello spettacolo che ha esordito il 30 luglio al Palace Theatre di Londra. Gli avvenimenti si svolgono 19 anni dopo la fine dell’ultimo romanzo ‘I doni della morte’. La scrittrice ha dichiarato in tempi non sospetti di non aver mai voluto scrivere un altro romanzo e il libro che è appena uscito nelle librerie (la traduzione italiana uscirà il prossimo 24 settembre per Salani editore) altro non è che la trascrizione del testo teatrale con la regia di John Tiffany e la sceneggiatura di Jack Thorn: la Rowling ha ‘soltanto’ partecipato nelle vesti di ideatrice della storia.

Al gala di apertura a Londra l’autrice ha dichiarato che «la storia regalerà ai fan qualcosa di speciale», che intanto si sono riuniti attorno all’hashtag #keepthesecret per mantenere il segreto nei confronti di chi non è potuto andare a vedere lo spettacolo o non ha ancora letto il libro.

(video tratto dal canale Youtube di ‘NewsBeat Social’)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->